A- A+
Marketing
Lapo Elkann-Carlo Cracco: nasce Garage Italia Custom

Ripensare una stazione di servizio Agip e trasformarla in un garage con un angolo gastronomico. È l'idea di Lapo Elkann, che per realizzarla ha voluto accanto a sé Carlo Cracco e l'architetto Michele De Lucchi.

La stazione fu costruito nel 1952 e non è una come tutte le altre. Perché fu voluto da Enrico Mattei e dall'architetto Mario Bacciocchi. E perché trasformò piazza Accursio, a Milano, in uno snodo per gli appassionati di motori. Ed è quella la funzione che Elkann vorrebbe restituire. A modo suo.

Garage Italia Customs non poteva trovare casa migliore dove far incontrare creatività, cura del dettaglio, tecnologie avanzate ed esperienza”, ha affermato Lapo. “Se qualcuno viene da noi con un’auto, una moto, un aereo, un elicottero o una barca, li renderemo unici: sia dal punto di vista dell’innovazione che da quello della tradizione”. Ma che c'azzecca Cracco? “Il binomio motori e gastronomia è straordinario e assolutamente attuale. Nel mondo delle auto infatti c’è oggi sempre una maggiore ricerca dell’eccellenza, un’attenzione alle esigenze e alle richieste del cliente, al tailor made, all’assoluta qualità della materia prima. Così come avviene nella cucina”.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lapo elkanncarlo craccogarage italia custom
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

i più visti
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.