A- A+
Marketing
Upa, la comunicazione torna a crescere

Il mercato della comunicazione torna a crescere. A fine anno è prevista l’attesa inversione con un segno più. UPA stima che la crescita del 2015 si collocherà fra il +1% e il +2%.

Con questa previsione, Sassoli ha aperto la sua relazione davanti a una platea di oltre 900 persone, investitori, centri media, agenzie, giornalisti in un Teatro Strehler tutto esaurito.

La seconda notizia nella relazione del Presidente è la proposta di quotazione in borsa dell’Auditel entro il 2016. “E’ il risultato di un lungo processo di innovazione” ha detto Sassoli, “promosso da UPA, e che ha portato all’ingresso di Sky e Discovery nel Consiglio di amministrazione della società, e alla posizione di maggioranza della componente del mercato nello stesso consiglio. Ora per Auditel si tratta di fare un ulteriore passo verso la trasparenza e l’indipendenza. Vogliamo fare di Auditel una casa di vetro, e cercheremo la formula migliore per tutelare gli equilibri volti all’indipendenza”.

Nel frattempo Auditel sta realizzando un “superpanel” costituito da 15.600 famiglie, l’Italia è il primo paese al mondo a realizzare un tale progetto, con l’obiettivo di rispondere alla estrema frammentazione degli ascolti televisivi, e al crescente bisogno di analisi molto dettagliate. A giugno 2016 il superpanel sarà integralmente operativo.

Sassoli ha anche annunciato un nuovo progetto di UPA nell’ambito delle sponsorizzazioni culturali: “upaperlacultura.org”. “Il patrimonio artistico italiano ha bisogno di una nuova figura, l’attrattore di investimenti” ha spiegato il presidente dell’UPA, “il bonus fiscale varato dal governo va in questa direzione”. Upaperlacultura.org sarà un portale in cui far confluire le proposte di sopraintendenze, musei, parchi archeologici, teatri. Dalle survey interne fra le aziende emerge che c’è propensione verso questi investimenti.

Per i temi della banda larga e della riforma Rai, su cui nelle relazioni degli anni precedenti Upa aveva sempre lanciato sollecitazioni e proposte, quest’anno Sassoli ha commentato “sembra tutto fermo, siamo al palo. L’Italia è ferma al 91°posto per velocità di connessione, e il 30% della popolazione non è connessa”.

Dopo la relazione del presidente Sassoli, è intervenuto Guido Barilla, Presidente di Barilla, intervistato da Andrea Cabrini di Class Cnbc, che ha sottolineato come “l’Italia ha il potenziale per farcela, ma le nostre imprese si  devono adeguare per poter affrontare i cambiamenti sociali, economici e ambientali cui stiamo andando incontro”.

E l’economista, della London Business School, Lucrezia Reichlin, che ha svolto una interessante relazione sulle caratteristiche distintive della ripresa economica mondiale e italiana.

Ha chiuso l’Assemblea il Ministro per i beni culturali Dario Franceschini, che ha esortato gli imprenditori a investire sulla cultura, utilizzando l’opportunità dell’art bonus, messo a disposizione dal governo, come il migliore incentivo fiscale in Europa per gli investimenti culturali.

L’Assemblea dell’Upa ha avuto anche quest’anno i caratteri della performance teatrale, con la scenografia e la regia dell’evento a cura del Piccolo Teatro, la performance dell’attrice Elena Ghiaurov, e degli artisti della scuola d’arte contemporanea Vertigo di Torino.

Tags:
upacomunicazionepubblicità
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

i più visti
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.