A- A+
MediaTech
Allarme! WhatsApp sarà a pagamento. Ma è solo una bufala

Allarme WhatsApp: sarà a pagamento. Ma per fortuna è solo una bufala. Nelle ultime ore si era diffusa l'indiscrezione che il servizio di messaggistica sarebbe stato disponibile solo con un canone mensile di 8,65 euro al mese. Falso. E' l'ennesimo fake che si aggira per la rete, sfruttando questa volta l'acquisizione da parte di Facebook.

Già lo scorso luglio era emersa la bufala che ogni messaggio sarebbe costato 37 centesimi. Anche in quel caso, tutto falso. Le condizioni d'uso restano quelle attuali: gratis al download e per i primi 12 mesi e un canone da 99 centesimi all'anno.

L'unica notizia vera è positiva: i vertici di WhatsApp hanno annunciato che, entro la prima metà del 2014, si avrà accesso a un servizio vocale. In sostanza chiamate gratis, in aperta concorrenza con Skype.

Per ora l'unico effetto del mega acquisto da parte di Mark Zuckerberg è stato quello di riattizzare i fake. E' vero, dopo aver sborsato 19 miliardi, mr Facebook vorrà in qualche modo monetizzare. Ma per farlo ha bisogno di una cosa: gli utenti. Far pagare 8 euro al mese o, peggio, 37 centesimi a messaggio, non sarebbe certo il modo migiore per conquistarli.

CLICCA E GUARDA LE NOVITA' DEL WORLD MOBILE CONGRESS 2014

Iscriviti alla newsletter
Tags:
whatsappfacebookbufaleabbonamenti
in evidenza
CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

Le foto

CR7-Manchester, divorzio vicino
Georgina mostra il pancione

i più visti
in vetrina
Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina

Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.