A- A+
MediaTech
Call of Duty si mangia Candy Crush: le caramelle costano 5,9 miliardi

Activision Blizzard acquista King Digital per 5,9 miliardi di dollari. Se ai più i nomi non diranno molto, basta citare i videogiochi da loro prodotti. Il primo è il creatore di Call of Duty e Warcraft. Il secondo il padre di Candy Crush.

Due mondi di videogiochi che si fondono: se Activision Blizzard è un produttore “classico”, King Digital ha costruito fama e affari sui giochi per smarphone, anche se non è riuscito a replicare l'incredibile successo di Candy Crush.

L'operazione dovrebbe chiudersi entro la primavera del 2016, dopo la decisione degli azionisti e quella delle autorità competenti. Se non ci saranno intoppi, nascerà un gigante da mezzo miliardo di utenti, diffuso in 196 Paesi e un portafoglio di titoli che – secondo la nota che ha diffuso la notizia – include 10 tra i più importanti videogiochi al mondo.  

Tags:
candy crushcall of dutyking digitalvideogiochi
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.