A- A+
MediaTech
Facebook: 150 milioni di like per i quotidani, che perdono 10 milioni di copie

Quotidiani su Facebook: gli editori in 10 anni hanno perso 10 milioni di copie giornaliere, in cambio di 150 milioni di like. E’ questo il risultato della ricerca condotta dalla società di consulenza strategica Innova et Bella sulle strategie Facebook dei 60 principali giornali quotidiani europei e statunitensi. Per il decimo anno consecutivo, l’indagine ha come campione di riferimento le principali 10 testate nazionali diffuse nei 6 Paesi monitorati: Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti.

Anche nel corso dell’ultimo anno la diffusione complessiva giornaliera dei 60 quotidiani esaminati continua il proprio declino, perdendo altri 2 milioni di copie e scendendo per la prima volta sotto i 20 milioni di copie giornaliere. Erano oltre 30 milioni nel 2011. Il numero dei corrispondenti likers Facebook delle stesse testate continua invece a crescere superando i 157 milioni. I likers registrati nel 2011 erano 5 milioni.

I leader della Classifica Internazionale 2021 di Innova et Bella, sulle best practices delle testate giornalistiche osservate sulle loro pagine ufficiali Facebook, risultano nell’ordine: The New York Times, El País, The Washington Post, Le Parisien e Daily Mail.

Al primo posto della Classifica Italiana 2021 si conferma Il Fatto Quotidiano (che presenta anche il record internazionale dei likers per copia diffusa: 88). Al secondo posto Il Sole 24 Ore, in terza posizione La Repubblica, seguita da Il Corriere della Sera e da La Gazzetta dello Sport.

“La sintesi è semplice. In 10 anni gli editori dei 60 principali quotidiani europei e statunitensi hanno perduto i ricavi certi di 10 milioni di copie giornaliere in cambio di 150 milioni di likers digitali arricchenti il popolare social network” ha osservato Francesco Guido Bonetti, presidente di Innova et Bella.  “La sfida degli editori è difficile: evolvere un modello di business obsoleto e rivoluzionare la propria offerta di brand, relazione, prodotto e servizio. Il lettore deve tornare a sentirsi fiero di esibire il proprio quotidiano come e più del brand che vanta sulle proprie sneakers.”

“La dinamica fra editori e social network è complessa e in continua evoluzione. In dieci anni Facebook ha rivoluzionato in milioni di persone le modalità di condivisione delle relazioni e dei contenuti. Alle negoziazioni dei diritti editoriali con Google, Facebook e con gli altri giganti del Tech appare necessario affiancare nuove strategie di innovazione competitiva. I principali quotidiani europei e statunitensi sono chiamati a investire più risorse nell’innovazione e nello sviluppo di nuove pratiche per un business sempre più digitale, mobile e sociale”, ha riassunto Raffaella Scarioni, coordinatrice della Ricerca.
 

Commenti
    Tags:
    facebookil fatto quotidiano
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.