A- A+
MediaTech
Facebook ancora nel mirino: dati condivisi con i big degli smartphone

Facebook ancora nel mirino per violazione della privacy. Il social network, secondo quanto rivela il New York Times, avrebbe stipulato accordi con almeno 60 produttori di smartphone, tablet e dispositivi mobili, permettendo loro di accedere ai dati di moltissimi utenti senza il consenso. Tra i gruppi con cui il gruppo avrebbe siglato queste intese ci sarebbero Amazon, Apple, Blackberry, Microsoft e Samsung. Le intese sarebbero state fatte negli ultimi 10 anni e sarebbero tuttora in vigore anche se Facebook avrebbe iniziato a chiudere questi accordi a partire da aprile scorso. Alcuni produttori avrebbero inoltre potuto accedere anche ai dati di 'amici' degli utenti.

 

Facebook: risposta a NYT, dati per social su smartphone e tablet



Arriva dal vicepresidente di Facebook per le partecipazioni commerciali Ime Archibong la risposta alle accuse del New York Times sulla cessione da parte di Facebook di dati sensibili a produttori di smartphone e tablet. In sostanza, le cosiddette API (application programming interface, in italiano interfaccia di programmazione di un'applicazione) furono una soluzione per consentire a tutti gli utenti del social network di usarlo anche su cellulari e tablet. "Nei primi giorni del mobile - scrive il dirigente di FB -, la domanda di Facebook ha superato la nostra capacita' di creare versioni del prodotto che funzionavano su ogni telefono o sistema operativo. E' difficile da ricordare adesso, ma all'epoca non c'erano negozi di app. Quindi aziende come Facebook, Google, Twitter e YouTube dovevano lavorare direttamente con i produttori di sistemi operativi e dispositivi per portare i loro prodotti nelle mani delle persone. Questo ha richiesto molto tempo e Facebook non e' stato in grado di raggiungere tutti. "Per colmare questa lacuna, abbiamo creato una serie di API integrate nel dispositivo che hanno consentito alle aziende di ricreare esperienze simili a Facebook per i loro singoli dispositivi o sistemi operativi. Nell'ultimo decennio, circa 60 aziende li hanno utilizzati, compresi molti nomi noti come Amazon, Apple, Blackberry, HTC, Microsoft e Samsung. "Tutte queste partnership sono state costruite su un interesse comune: il desiderio per le persone di poter usare Facebook indipendentemente dal loro dispositivo o sistema operativo. Questo e' qualcosa che ho vissuto in prima persona come utente di Blackberry che si e' affidato a Facebook e Messenger per rimanere in contatto con familiari e amici in Nigeria.

"Dato che queste API hanno consentito ad altre societa' di ricreare l'esperienza di Facebook, le abbiamo controllate strettamente sin dall'inizio. Questi partner hanno firmato accordi che impedivano l'utilizzo delle informazioni di Facebook di persone per scopi diversi da quello di ricreare esperienze simili a Facebook. I partner non sono riusciti a integrare le funzionalita' di Facebook dell'utente con i propri dispositivi senza il permesso dell'utente. E i nostri team di collaborazione e ingegneri hanno approvato le esperienze di Facebook realizzate da queste aziende. Contrariamente alle affermazioni del New York Times, le informazioni degli amici, come le foto, erano accessibili solo su dispositivi quando le persone decidevano di condividere le proprie informazioni con quegli amici. Non siamo a conoscenza di eventuali abusi da parte di queste aziende. "Questo e' molto diverso dalle API pubbliche utilizzate dagli sviluppatori di terze parti, come Aleksandr Kogan. Questi sviluppatori di terze parti non erano autorizzati a offrire versioni di Facebook a persone e, invece, hanno utilizzato le informazioni di Facebook che le persone hanno condiviso con loro per costruire esperienze completamente nuove. "Ora che iOS e Android sono cosi' popolari, meno persone si affidano a queste API per creare esperienze Facebook su misura. E' per questo che abbiamo annunciato ad aprile che stiamo accedendo a loro. Abbiamo gia' concluso 22 di queste partnership. Come sempre, stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner per fornire modi alternativi per le persone di utilizzare ancora Facebook".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
facebookfacebook smartphonefacebook dati smartphone
in evidenza
Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

Come sarà il weekend

Ciclone al Sud, sole al Nord
Il meteo divide l'Italia in due

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nuovo Mercedes Citan, piccole dimensioni per un grande van

Nuovo Mercedes Citan, piccole dimensioni per un grande van


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.