A- A+
MediaTech
Facebook, il business dei mi piace: 100mila like costano 1400 euro

Attori e cantanti in cerca di fan, politici a caccia di consenso (finto). Molti personaggi pubblici fanno fatica a capire che il numero dei like non è motivo ma conseguenza del successo. Ecco perché fiorisce il business dei mi piace a pagamento.

Il Corriere ha raccontato di due ragazzi di Bassano del Grappa che hanno organizzato un sistema che assicura loro circa 20 mila euro al mese. Insomma: la domanda non manca e i prezzi sono per tutte le tasche. Vanno dai 19,90 ai 1400 euro per 100 mila fan.

Ma non è solo questione di spettacolo. Anche alcune istituzioni sperano di invertire il tragitto del consenso acquistando like. L'ultimo caso è quello della Regione Campania, che ha pagato una società per aumentare i mi piace da 4mila a 60mila.

Le espedienti per moltiplicare i follower non mancano. C'è quello che passa da profili finti aperti ad hoc. E altri che sfruttano gli shell script. In pratica, quando appaiono le finestre di benvenuto di una pagina, l'utente clicca sulla “x” per chiudere la finestra ma in realtà mette un “mi piace”.  

Tags:
facebooklikesocial network
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.