A- A+
MediaTech
Ignorò allarmi su dati e interferenze. Il New York Times incastra Facebook

 

Un’inchiesta del New York Times riporta Facebook nel caos, puntando il dito contro i vertici della società, Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg. Secondo il quotidiano Usa, l’a.d. e la chief operating officer del social non solo hanno ignorato i segnali di allarme sui russi e su Cambridge Analytica, ma hanno poi ripetutamente negato, arrivando a sviare l’attenzione dai problemi della società alimentando la disinformazione. “In alcuni dei momenti critici negli ultimi tre anni erano distratti da progetti personali, passavano le decisioni sulla sicurezza e quelle riguardanti la politica a dei sottoposti”, ha scritto il quotidiano sulla base di interviste a dipendenti ed ex dipendenti di Menlo Park. Insomma, erano troppo concentrati sulla crescita e hanno quindi trascurato alcuni aspetti chiave del boom della società.

Facebook, si legge su www.primaonline.it, ha respinto le accuse. “Semplicemente false”, ha detto Zuckerberg, mentre il cda del social, pur ammettendo di essere stata lenta ad affrontare alcune problematiche, ha messo in evidenza i passi in avanti compiuti nei controlli. “E’ stato un momento difficile per Facebook e tutto il management è stato concentrato ad affrontare i problemi. Stiamo lavorando duro per assicurarci che il pubblico trovi i nostri prodotti utili e per assicurarci di essere in grado di tutelare la nostra comunità dai cattivi”, hanno scritto, ritenendo però “ingiusto” suggerire che i manager fossero a conoscenza dei problemi.

Ovvie le reazioni, anche politiche, a cominciare da Donald Trump, che ha attaccato Facebook con Google e Twitter di essere la “vera collusione” con i loro pregiudizi a favore dei democratici.  In Congresso tornano a moltiplicarsi le richieste per maggiori controlli e indagini sulla società. Per Marc Benioff, amministratore delegato di Salesforce, Facebook “sono le nuove sigarette”.

Critiche anche da Open Society Foundations, organizzazione no-profit del miliardario George Soros, che sarebbe stato tra le vittime di una campagna orchestrata da Facebook per sviare l’attenzione sui suoi problemi interni. Sapere che Facebook “ha avuto un ruolo attivo nel promuovere queste distorsioni va oltre ogni limite”, avrebbe scritto Patrick Gaspard, presidente di Open Society Foundations, in una lettera a Sheryl Sandberg, mettendo in evidenza come gli sforzi del social in questo senso rientravano in una “strategia deliberata per distrarre” l’attenzione dalla società. I metodi di Facebook “minacciano i valori che sono alla base della democrazia”, ha concluso.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    facebook
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.