A- A+
MediaTech
Il marchio Zelig entra nel gruppo Mediaset, completata l'acquisizione

Il gruppo Mediaset acquista il marcio "Zelig". Pier Silvio Berlusconi: "Simbolo della comicità italiana"

Il marchio “Zelig” entra nel gruppo Mediaset. Dopo uno storico rapporto di collaborazione, "uno dei punti di riferimento nel panorama televisivo e teatrale italiano ha trovato in Mediaset un porto sicuro per continuare a rinnovare i successi raccolti in oltre 35 anni di attività", si legge in una nota.

Grazie al nuovo accordo, Mediaset diventerà titolare del marchio Zelig e di tutti i diritti di sfruttamento dell’archivio, delle produzioni tv e dei siti web, mentre i fondatori Gino Vignali, Michele Mozzati e Giancarlo Bozzo continueranno a gestire l’attività teatrale.

Con Zelig, Mediaset ha l’obiettivo di creare contenuti per la tv e per le property web del gruppo. In più, vuole rafforzare la fucina di talenti italiani e sviluppare la ricerca dei protagonisti del futuro della comicità, anche grazie alla continua collaborazione con i fondatori.

Stasera intanto andrà in onda in prima serata su Canale 5 l’ultima puntata dell’edizione 2022 dello show. Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato Mediaset, ha dichiarato: “Zelig è un grande valore, uno dei simboli più noti e più amati dell’intrattenimento italiano. Per noi è importante che continui a esistere e a crescere. E siamo certi che grazie alla forza delle nostre reti e all’eccellente creatività dei fondatori, il simbolo della comicità italiana avrà un futuro”.

I fondatori di Zelig Gino Vignali, Michele Mozzati e Giancarlo Bozzo, concludono: “Esprimiamo la nostra soddisfazione di fondatori di Zelig per l'ingresso in Mediaset, il gruppo che ha fatto crescere il nostro marchio negli ultimi 25 anni, dalla prima trasmissione tv del 1996 a oggi. Siamo inoltre felici di poter continuare a gestire il teatro di Milano, fornire la creatività legata al marchio e mantenere la direzione artistica di Zelig”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mediasetzelig





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.