A- A+
MediaTech
Italiaonline: conti ok, acquisizioni e partnership. Ma lavoratori in cig

Italiaonline chiude l’esercizio 2017 con ricavi consolidati pari 338,5 milioni, in calo del 10% rispetto ai 376 milioni dell’esercizio 2016, ma con un trend in progressivo miglioramento nel corso dell’anno “che riflette da una parte il

Italiaonline: martedi' incontro al Mise e sciopero nazionale

"Le Rsu, in lotta contro un piano scriteriato e vergognoso, chiedono al Mise, che si e' fatto garante nel 2016 del vecchio piano di riorganizzazione presentato da Iol, di adoperarsi affinche' vengano ritirati licenziamenti e trasferimenti". Lo afferma il coordinamento nazionale dei delegati di Italiaonline che si e' riunito a Torino. Lunedi', dalle 10 alle 12, a Torino ci sara' un'assemblea presso la sala della Chiesa del Santo Volto, il giorno successivo, in concomitanza con l'incontro al Mise di Roma e dello sciopero nazionale, si terra' un presidio in piazza Castello, di fronte alla Prefettura, dalle 9 alle 16. "Il caso di Italiaonline - sottolineano le Rsu - e' emblematico: se si consentisse agli azionisti di rendere operativo il piano di licenziamenti e trasferimenti si sancirebbe la liceita' di politiche di dissanguamento e depauperamento di aziende leader del mercato. E si consoliderebbe il principio per cui pochi indebitamente si arricchiscono a scapito di lavoratrici e lavoratori, grazie alla spartizione di dividendi e costituzione di congrue stock option a favore delle figure apicali che propongono questi piani".

recupero del segmento digitale dall’altra il proseguimento del calo fisiologico dei prodotti tradizionali basati sugli elenchi telefonici e la telefonia”, spiega la società guidata dal ceo Antonio Converti in una nota.

Cresce del 17% l’utile netto a quota 26,4 milioni contro i 22,7 milioni del 2016, mentre la posizione finanziaria netta è positiva per 72,9 milioni, dopo la distribuzione del dividendo straordinario pari circa a 80 milioni pagato il 10 maggio 2017, rispetto ai 122,1 milioni del 31 dicembre 2016. L’Ebitda è pari a 67,7 milioni, +6% rispetto al 2016 (63,9 milioni), mentre l’Ebit è in forte crescita a 27,8 milioni rispetto al dato 2016 di 0,7 milioni.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti nell’esercizio 2017, che unitamente alla crescita dei risultati operativi, hanno mostrato nel corso dei diversi trimestri dell’esercizio un deciso miglioramento della tendenza dei ricavi supportato dallo sviluppo positivo del segmento digitale”, commenta Antonio Converti. “Nel corso del 2017, grazie al lavoro messo in atto dal nuovo management, abbiamo completamente rinnovato il portafoglio dei prodotti di digital agency e potenziato le attività di digital advertising, cresciute a doppia cifra nel secondo semestre, riuscendo così ad invertire positivamente la tendenza dei ricavi digitali”.

Nel quarto trimestre 2017 il segmento digitale ha riportato infatti una crescita del 5% su base annua, in seguito ad progressivo miglioramento della tendenza registrato nel corso dei diversi trimestri dell’esercizio, beneficiando dei primi effetti positivi derivanti dall’implementazione del nuovo portafoglio prodotti dedicati alle Pmi e della crescita della concessionaria del Gruppo iOL Advertising. Nel corso dell’esercizio 2017 i ricavi digitali si sono attestati 228,2 milioni di euro (contro i 240,2 milioni al 31 dicembre 2016) pari al 67,4% del fatturato consolidato.
I risultati di audience e della pubblicità

Italiaonline, prosegue la nota, si conferma la prima internet company italiana (fonte Audiweb, dati medi 2017) con 4,5 milioni di utenti unici in media al giorno (+6% su base annua). Anche il dato sulla mobile audience ha visto Italiaonline al primo posto, davanti agli altri top player con oltre 2,4 milioni di utenti unici medi giornalieri (+14% su base annua). Infine, sempre i dati Audiweb, hanno confermato Italiaonline quale primo player per tempo speso nel giorno medio (11:21 min, +8% su base annua).

La concessionaria di pubblicità digitale del gruppo, iOL Advertising, che aggrega oltre alle web property di Italiaonline anche altri editori digitali quali ad esempio 3B Meteo e Lettera 43,  ha riportato una audience totale giornaliera di 6,2 milioni e un’audience mobile di 3,3 milioni, confermandosi una delle principali concessionarie di pubblicità digitale italiana.  iOL Advertising ha registrato nel corso degli ultimi due trimestri del 2017 una crescita a doppia cifra rispetto ad una crescita del mercato di riferimento (nel corso del 2017) pari all’1,7%.
Focus sul programmatic

Focus dunque sul digitale e, in  particolare, sul digital advertising. Italiaonline, si legge nella nota di bilancio, proseguirà lo sviluppo delle web properties del gruppo sia attraverso acquisizioni sia “attraverso crescita organica basata su innovazione di prodotto e sulla produzione di contenuti originali”. Di recente la società ha tra l’altro annunciato dia aver acquisito la concessionaria AdPulse.

Italiaonline prevede inoltre di proseguire nella strategia di consolidamento del mercato italiano della pubblicità digitale attraverso accordi commerciali con altri editori digitali. La società continuerà quindi a sviluppare partnership strategiche sia tecnologiche sia commerciali in particolare nel settore del programmatic advertising, dove l’azienda intende proseguire nel rafforzamento della leadership anche attraverso innovazioni tecnologiche e di prodotto.

Dividendo, obiettivi 2018 e aggiornamento piano industriale

Alla luce dei risultati conseguiti nel 2017, la società ha annunciato che sarà distribuito ai soci di risparmio un dividendo privilegiato di 30 euro per azione di risparmio, pari a complessivi 204.090,00 euro al lordo delle ritenute di legge. Il dividendo sarà messo in pagamento a partire dal 9 maggio 2018.

“Il nostro percorso di digital transformation prosegue e, per il 2018, ci attendiamo di stabilizzare la top line grazie all’andamento positivo del business digitale e nonostante la decrescita dei business tradizionali”, spiega sempre Antonio Converti. “Stiamo inoltre lavorando ad una ulteriore ottimizzazione del modello organizzativo ed operativo dell’azienda che ci permetterà di migliorare fortemente la qualità dei processi di vendita e di customer service oltre a ridurre la struttura dei costi e quindi proseguire nella nostra missione mirata a sostenere lo sviluppo digitale delle imprese italiane”.

Per l’esercizio 2018 Italiaonline prevede dunque un giro d’affari in linea all’esercizio 2017 grazie appunto alla progressiva crescita dei ricavi digitali in grado di compensare la flessione del business tradizionale. L’Ebitda è previsto in aumento a doppia cifra rispetto al 2017. L’incidenza degli investimenti sul fatturato è prevista inferiore al 7%. Infine le disponibilità liquide alla fine dell’esercizio sono attese in crescita percentuale a doppia cifra rispetto al dato al 31 dicembre 2017, escluso l’impatto di eventuali operazioni straordinarie.

Il consiglio di amministrazione ha quindi approvato un aggiornamento del piano industriale, estendendone la durata al 2020 ed aggiornando gli obiettivi economico-finanziari per il periodo 2018-2020. Nel periodo il piano prevede un crescita media su base annua dei ricavi del 4%-6%. L’Ebitda margin è previsto in crescita lungo tutto l’arco del periodo con un livello atteso al 2020 compreso nell’intervallo 23%-25%, in linea con il livello previsto nel piano precedente per il 2019. L’incidenza degli investimenti industriali (Capex) sui ricavi è prevista in linea con il piano precedente (circa 6% al 2020) grazie agli effetti delle azioni di razionalizzazione degli investimenti. Con riferimento alla generazione di cassa, si prevede per il periodo 2018-2020 una cash conversion dell’ebitda compresa nel range 55%-60%.

fonte www.engage.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
italiaonline
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.