A- A+
MediaTech
L'Espresso cambia direttore: Iervolino sceglie Rossi al posto di Lirio Abbate
Alessandro Mauro Rossi

L'Espresso volta pagina: Alessandro Mauro Rossi al posto di Lirio Abbate

Danilo Iervolino si racconta come “un rivoluzionario” e il suo stile gestionale è decisamente consequenziale. A meno di due mesi dalla presentazione del nuovo corso de “L’Espresso”, con Lirio Abbate ancora saldamente al timone, il vulcanico imprenditore ha deciso per un cambiamento radicale.

Questa mattina (giovedì 15 dicembre) nel CdA del gruppo editoriale è stato proposto il cambio tra Abbate e Alessandro Mauro Rossi, direttore editoriale di Forbes, che era presente alla seduta ma per una scelta di stile si è astenuto sul punto. Se verrà ufficializzata, la svolta diventerà operativa dalla prossima settimana.

Contrariamente ai rumors circolati nelle prime ore, Lirio Abbate non è stato licenziato, ma semplicemente avvicendato: gli verrà proposto di rimanere in squadra, con la qualifica di caporedattore (la stessa che aveva prima di prendere il posto di Marco Damilano) e stipendio invariato. Ovviamente spetterà a lui decidere se accettare, ma sul punto Rossi sottolinea: “Guai a chi mi tocca Lirio Abbate! E’ una persona d’oro e un grande giornalista, che viaggia sotto scorta proprio per il coraggio dimostrato nella sua professione. Non so di quanti colleghi si possa dire lo stesso”.

Ma, allora, perché cambiare? La decisione è stata presa da Iervolino, anche a fronte di alcuni pareri contrari, per dare una svolta di tipo gestionale: “Si tratta di integrare maggiormente L’Espresso all’interno del nostro gruppo editoriale, visto anche che pesa per due quinti del bilancio complessivo del gruppo e quindi deve viaggiare col gruppo stesso".

Una scelta derivante dai "diversi criteri di gestione" tra un giornale figlio dell'editoria cartacea tradizionale e le logiche ben più smart del digitale: "Abbate ha fatto un grandissimo lavoro, ma come tanti altri giornalisti ragionava in un modo diverso dal nostro, che siamo rapidi, efficaci, sintetici e abbiamo una gestione molto più spartana rispetto a quella dell’Espresso che, come tutti i giornali nati nel Novecento, ha una struttura importante. C’è un problema di integrazione del prodotto nel nuovo contesto editoriale. Anche per questo si è deciso per cambiare subito, in modo che il prodotto rispondesse davvero ai nostri canoni”.

Quali sono questi canoni? “In primo luogo l’economia di scala. Non ci saranno tagli, la sede del giornale rimarrà a Roma e la base aziendale a Milano, con anche la sede distaccata del settimanale. Non si prevedono riduzioni di personale, ma una maggiore integrazione. Io rimarrò direttore anche di Forbes Italia, proprio per favorire l’economia di scala all’interno delle testate del gruppo".

Però si dice che il comitato di redazione stia valutando un'agitazione: "Questo non lo so, perché sono a Milano. Mi sono volutamente estraniato. Aspetto notizie dai miei".

Tra i tanti cambi in previsione, dobbiamo attenderci anche una nuova linea politica o rimarrete fedeli al "giornale progressista" del quale Iervolino ha parlato lo scorso ottobre?

"Giù le mani dall’Espresso! Stiamo parlando di maggiore efficienza, non di nuova linea politica. Anche perché abbiamo 150.000 migliaia di lettori che comprano il giornale ogni settimana e si aspettano un certo prodotto. Io poi vengo da quel mondo, ho fatto otto anni a L’Unità, poi Repubblica, poi gli ultimi venti/trent’anni ho lavorato nella finanza, per esigenze professionali, ma io sono nato e rimango un uomo di sinistra, mica si può cambiare. Pensa che mia moglie l’ho conosciuta a L’Unità… Se le dicessi domattina che ho cambiato idea, mi tirerebbe un ceffone….".

Per il nuovo Espresso parla l'ad Forlani Jr. Intervista esclusiva

 

Danilo Iervolino: "Così rivoluzionerò l'editoria"

 

 

 

 

 

Danilo Iervolino

Danilo Iervolino alla presentazione del nuovo progetto editoriale dell'Espresso

Lirio AbbateLirio Abbate - Reportage di Angelo Maria Perrino
 

 

Alessandro Mauro RossiAlessandro Mauro Rossi, direttore di Forbes Italia e direttore editoriale di Bfc Media - Reportage di Angelo Maria Perrino
 
 
 
 
 
 
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
alessandro mauro rossil'espressolirio abbate





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.