A- A+
MediaTech
Mentana Grillo: la guerra continua
Nella foto il direttore del Tg La7 Mentana

Qualche giorno fa Enrico Mentana, direttore del TG La7 e quindi appartenente alla corazzata Cairo che include il Corriere della Sera, aveva minacciato di querela Beppe Grillo in risposta ad un post che era comparso nel sito del Federale Genovese contro i media tradizionali produttori di bufale.

Questa tesi di complottismo giornalistico vede anche altri fautori anche se poco conosciuti sebbene sempre alla ricerca della ribalta mediatica: uno di questi è, ad esempio, Paolo Attivissimo “ingaggiato” da poco come “Ministro della Verità” dalla Presidente Boldrini:

http://www.affaritaliani.it/cronache/paolo-attivissimo-ministro-della-verita-il-legame-con-pitruzzella-456887.html

Tuttavia, il post di Grillo ha fatto infuriare Mentana che appunto, come detto, rivendicando una sua diversità ha minacciato querela però prontamente ritirata dopo che Grillo dal suo blog si era “scusato” dicendo che lo aveva dovuto inserire per una sorta di par condicio mediatica anche se, osservando bene il mosaico delle testate riprodotte, mancavano Il fatto Quotidiano e Il Messaggero, due quotidiani tradizionalmente vicini al Movimento Cinque Stelle.

Quindi una menzogna quelle di Grillo sulla par condicio mediatica rappresentata (ma, come noto, abbiamo lasciato l’antropocene per il “mediacene” della post - verità).

La partita sembrava finita così in parità con un 1 - 1 e palla al centro quando ieri Mentana ha dovuto subire gli attacchi dei fans grillini inviperiti contro di lui per la minaccia fatta all’idolo, seppur ritirata.

Tra i vari post diversi che alludevano ad un rapporto tra il figlio di Mentana (che è stato candidato nelle fila del Pd) e la ministra ora sottosegretaria renziana Maria Elena Boschi.

A questo punto Mentana è ripartito all’attacco per il 2 -1 (risultato parziale) chiedendo a Di Maio e Di Battista di intervenire dandosi una sorta di codice etico per impedire questo tipo di uscite.

Ecco il post pubblicato dal giornalista su Facebook:

 

Cari Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio, il fan club che porta il vostro nome si è esibito in questo post corredato da 133 commenti di vostri simpatizzanti e iscritti. Devo dedurre che il club a voi intitolato non ha ancora adottato un adeguato codice etico...

 

In realtà, come si può appurare, i club su FB sono gruppi pubblici e sono amministrati da utenti: Carlo Aprea, Alessio Dioguardi e Annunzia Cecere e non direttamente dai Deputati.

 

Proposta difficile da mettere in pratica data la concezione grillina di assoluta libertà per la Rete.

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mentana;figlio;grillo;di maio;di battista;paolo attivissimo;pitruzzella;bufale
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.