A- A+
MediaTech
Meta indagata per presunta evasione fiscale. La Procura: "Buco da 870 mln"
Mark Zuckerberg

Fisco, a Milano indagine su presunta evasione Meta da 870 mln

La Procura di Milano indaga per omesso versamento dell’Iva, tra il 2015 e il 2021, per un ammontare di circa 870 milioni di euro da parte di Meta, la società che controlla Facebook, Instagram, Whatsapp e Messenger. Il fascicolo è stato trasmesso ai pm del capoluogo lombardo dai colleghi della Procura europea antifrode (Eppo).

La cifra contestata al colosso americano di Mark Zuckerberg è stata conteggiata dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza. La notizia degli accertamenti fiscali è stata anticipata da Il Fatto quotidiano, ma come hanno riferito fonti qualificate l'inchiesta è passata anche per competenza ai pm milanesi.

Facebook, Meta: "Nuovi licenziamenti in arrivo" 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
evasione fiscalemetaprocura di milano





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.