A- A+
MediaTech
Mondadori acquisisce la piattaforma Webboh e dona mille euro ai dipendenti

Mondadori acquisisce Webboh, la prima community italiana della Generazione Z

Il Gruppo Mondadori accresce la propria presenza nei social con l’acquisizione di Webboh, la prima community italiana della generazione Z: l’operazione consentirà di ampliare significativamente l’offerta rivolta a un target in costante espansione e sempre più centrale per i principali attori del mercato.

“In questi anni la nostra strategia di sviluppo nel digitale si è indirizzata in modo sempre più deciso verso il mondo dei social, ambito nel quale abbiamo raggiunto un’audience molto ampia, di oltre 72 milioni di follower: tutto ciò grazie a contenuti di qualità, format e linguaggi innovativi e a collaborazioni con i migliori top creator e influencer" ha dichiarato Antonio Porro, amministratore delegato del gruppo Mondadori.

"Un percorso che vogliamo continuare attraverso il rafforzamento della nostra presenza nel segmento ad altissima potenzialità della Gen Z, come dimostrato dal successo di The Wom, il primo social magazine 100% inclusivo. Ora, grazie anche a Webboh, ci affermiamo come l’editore italiano di riferimento per le nuove generazioni”, conclude Porro.

Nato nell’aprile del 2019 da un’idea dei suoi giovani soci fondatori, Giulio Pasqui, Ivan Buratti e Diego Odello, Webboh si è affermato velocemente grazie a una capacità straordinaria di intercettare gli interessi e i linguaggi dei più giovani: al centro dell’offerta editoriale dei suoi profili social e del sito web, il mondo dei creator, tiktoker, degli youtuber e degli streamer, oggi veri e propri idoli dei teenager e degli under 25, alternati a contenuti valoriali e sociali.

Una formula di successo che ha portato la community di Webboh a crescere costantemente online e sui social. Con una fanbase di 2 milioni di follower (75% under 24 anni) tra Instagram e TikTok, e 13,4 milioni di interazioni nel mese di ottobre 2022, Webboh è tra i primi 5 brand della classifica italiana “Top media più Social” (fonte: classifica Sensemakers).

La partecipazione molto attiva della community si traduce in un engagement rate mai sotto al 10%, dettato da una crescita organica costante su tutti i social e una fanbase raddoppiata rispetto al 2021 (+700.000 follower in un anno su Instagram, +400.000 in sei mesi su TikTok).

La misura per i dipendenti con reddito inferiore a 35mila euro

Contributo di 1.000 euro ai dipendenti con una retribuzione fino a 35.000 euro. E’ l’iniziativa intrapresa dal Gruppo Mondadori, comunicata nei giorni scorsi con una mail dall’ad dell’editrice, Antonio Porro.

La nota dei sindacati

“I dipendenti del gruppo Mondadori più esposti all’aumento generale dei prezzi potranno disporre di un contributo del valore di mille euro netti, spendibile online in base alle diverse necessita’ personali e familiari. Frutto delle buone relazioni industriali, la misura è volta al sostegno concreto delle persone nel complesso quadro macroeconomico attuale. Nello specifico, il suddetto contributo sarà erogato alle lavoratrici e ai lavoratori che percepiscono una retribuzioneannua non superiore a 35 mila euro lordi, come stabilito dal lavoro congiunto dell’azienda e delle organizzazioni sindacali Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil”. 

“Il benessere delle persone passa anche attraverso la definizione di buone prassi. Con questa iniziativa il GruppoMondadori conferma il percorso iniziato già da tempo e che ha portato, tra i diversi risultati, alla definizione di accordisul welfare e sul tema della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Auspichiamo che tale misura possa essere attuata anche da altre aziende del settore, come sollecitato dalle segreterie nazionali”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
generazione zmondadoriwebboh awards





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.