A- A+
MediaTech
Murdoch stacca Berlusconi: è il primo editore in Italia

In Italia il gruppo Murdoch allunga e distanzia ormai di un punto percentuale (15,7% contro 14,7%) la galassia Berlusconi in termini di quote di mercato. La Rai, che è terza, perde in un anno 270 mila clienti abbonati. I quotidiani, in sofferenza nella vendita di copie, ritrovano un importante alleato negli allegati, di nuovo richiestissimi in edicola. Bene la pubblicità sui cartelloni stradali, nelle metropolitane, negli stadi. Il Garante per le Comunicazioni (AgCom) certifica l' ulteriore crescita percentuale del gruppo Murdoch (Sky Italia e 21th Century Fox) nella sua fotografia annuale sui rapporti di forza tra i diversi editori e i diversi media. L' analisi sulle risorse del sistema dei media (il famoso Sic) - relativo al 2014 - ci dice che Murdoch e Berlusconi (Mediaset più Mondadori) sono ormai distanziati da un punto percentuale (mentre l' anno precedente la differenza era solo dello 0,1 per cento). Vince ancora più nettamente l' editore australiano. La Rai è stretta da una doppia tagliola. Da lato il governo Renzi le toglie 150 milioni di canone. E poi c' è la crisi economica che spinge 270 mila italiani a non pagare più l' abbonamento. I ricavi da canone si riducono così a 1.488 milioni con una flessione del 9,7 per cento rispetto al 2013. Corre la pubblicità in Internet che arriva a 1.624 milioni, con una crescita quasi del 10 per cento. Con il segno positivo, solo due altri settori. La pubblicità esterna (come quella dei cartelloni) e le sponsarizzazioni, a 364 e 799 milioni. Dopo qualche anno di freddezza, gli italiani tornano a gradire gli allegati dei giornali, forse perché migliori nella qualità. Questi "collaterali" portano in cassa ricavi per 78 milioni, e l' aumento supera il 7 per cento da un anno all'altro. In ogni caso, i media e gli editori in campo devono dividersi una torta che si è fatta più piccola. L' intero comparto editoriale accusa, nel 2014, una perdita secca di 500 milioni fermandosi a quota 17,1 miliardi. Il suo contributo alla ricchezza nazionale è dell' 1,06 per cento (contro l'1,1 del 2013).

Editoria. I dati del sic  Quote di mercato: il gruppo Murdoch stacca Berlusconi di un punto percentuale.  Lo scorso anno la differenza era dello 0,1% - 19.12.2015. Rupert  Murdoch stacca e allunga: il suo gruppo editoriale in Italia è sempre più solo al comando della classifica, adottando come parametro le quote di mercato. È quanto riferito dall' analisi sui media del Sistema integrato delle comunicazioni (Sic) per il 2014, diffusa dall'Agcom. Sky Italia e 21th Century raggiungono il 15,7 per cento dei clienti. Al secondo posto, l' impero di Silvio Berlusconi che lo scorso anno era appena lo 0,1 per cento sotto l' editore australiano, mentre quest' anno - fermandosi al 14,7 per cento - viene distanziato di un punto. La Rai occupa il terzo gradino del podio. La tv di Stato italiana ha perso 270mila clienti: la crisi spinge infatti molti cittadini a non pagare il canone. Nel documento dell' Authority emerge anche un dato positivo che riguarda i quotidiani: i ricavi derivanti dalla vendita degli allegati cresce del 7 per cento rispetto all' anno precedente. (ilfattoquotidiano.it)

fonte: www.francoabruzzo.it/

Tags:
murdoch
in evidenza
Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

Sport

Dazn spegne i rumors sulla Leotta
E' confermata sulla Serie A. Le foto

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.