A- A+
MediaTech
Netflix punta sulla pubblicità, prezzi più alti e rischio di perdere abbonati

Netflix ha appena innalzato i prezzi per le offerte in streaming a pagamento, con un aumento del 9% sull'abbonamento standard (11,99 euro al mese), del 14,3% su quello premium (15,99 euro al mese), lasciando invece invariati i 7,99 euro al mese del contratto base.
Secondo quanto riportato da ItaliaOggi però non sarebbe questa l'unica via per incrementare i ricavi nei prossimi anni. I competitors di Netflix, NbcUniversal e Hulu, sono convinti che presto la piattaforma di streaming più popolare al mondo si aprirà alle pubblicità, disegnando offerte tipo quelle di Spotify, in cui, per non avere il "disturbo" delle inserzioni commerciali si pagherà di più.

L'aumento dei prezzi, così come spiegato da ItaliaOggi può essere una buona via maestra per Netflix che, però, potrebbe incorrere nel rischio di perdere parte dello zoccolo duro di abbonati.

Commenti
    Tags:
    netflixnetflix pubblicitànetflix abbonatinetflix aumento prezzonetflix aumentonetflix prezzinetflix costo
    in evidenza
    La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

    Il video che inchioda Di Maio

    La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

    
    in vetrina
    KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

    KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo


    casa, immobiliare
    motori
    Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

    Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.