A- A+
MediaTech
Oracle presenta gli assistenti digitali ‘parlanti’ e personalizzati

Si chiama Oracle Digital Assistant e permette alle aziende di creare assistenti digitali personalizzati capaci di aiutare i dipendenti a lavorare in modo più intelligente e con una maggiore produttività.

Tra le novità presentate a San Francisco nel corso dell'Oracle Open World, la conferenza di business e tecnologia più importante del settore degli ultimi 20 anni che attira decine di migliaia di partecipanti doltre a milioni di visitatori online, c'è l'Oracle Digital Assistant. Grazie a questa tecnologia, i dipendenti delle aziende possono lavorare con un assistente digitale completo, che può essere addestrato sfruttando l’Intelligenza Artificiale.

L’Oracle Digital Assistant è per questo grado di comprendere il contesto, rilevare le intenzioni, identificare e apprendere schemi e comportamenti degli utenti per automatizzare le attività di routine. Un esempio? Approva le note spese oppure pianifica le riunioni.

Basato su Oracle Cloud Infrastructure, Oracle Digital Assistant si spinge oltre i chatbot attualmente disponibili che forniscono risposte semplici e in un singolo ambito, grazie alle attività di elaborazione e di comprensione del linguaggio naturale e usando il Machine Learning (l’apprendimento automatico).

L'Oracle Digital Assistant si allena per rispondere alle nostre domande 

Gli utenti possono conversare con Oracle Digital Assistant tramite l’interfaccia vocale oppure utilizzando le piattaforme di messaggistica più diffuse, come Slack, Facebook Messenger, WeChat e Alexa.

Le capacità di analisi sono integrate, in modo che l’azienda possa ottenere informazioni in tempo reale sul comportamento degli utenti e sulle prestazioni delle app, effettuando costantemente analisi e miglioramenti, come spiega Stefano Maio, Responsabile per l'Italia dell'offerta Dati e Analytics di Oracle, a cui Affaritaliani.it ha chiesto cosa significa avere un assistente digitiale: "Vuol dire parlare con i dati e ottenere delle informazioni in tempo reale per risolvere problemi. Generiamo continuamente dati che consumiamo. Ecco perché parliamo di economia dei dati. Grazie alle tecnologie Oracle è possibile interrogare i dati e ottenere delle risposte, come se si parlasse con una persona, quindi con la propria voce e nella propria lingua. Possiamo chiedere ogni genere di informazioni, come quelle reletive al giro d'afferi di un'azienda, come è andato un titolo in Borsa o, ancora, le vendite di un prodotto. Tutto questo avviene grazie al Machine Learning, ovvero la capacità dei dati di poter imparare dai fenomeni e di restituire una risposta congrua al contesto. Si allena una quantità di dati a fornire le risposte". 

Commenti
    Tags:
    oracleoracle open wordassistenti digitaliassistenti virtuali
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

    Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.