A- A+
MediaTech
PlayBoy, 15 copertine italiane che hanno fatto la storia

Il web uccide le conisgliette: PlayBoy, rivista cult per oltre 60 anni, non pubblicherà più nudi integrali. Lo ha affermato Scott Flanders, Ad della rivista, d'accordo con il fondatore Hugh Hefner. Oggi con un click puoi trovare tutto il sesso che vuoi", spiega Flanders. Addio quindi alle pagine che per anni hanno lanciato nuove star (sulla prima pagina del primo numero c'era Marilyn Monroe non ancora icona di Hollywood) e sugellato un'intera carriera. 

E se negli ultimi anni anche PlayBoy si era arreso allo strapotere delle starlette, in passato (ma anche in alcune eccezioni recenti) non sono mancate le sorprese. Da Alessadra Mussolini a Iva Zanicchi e da Tania Cagnotto a Loredana Bertè.

Tags:
playboyconiglietteeditoria
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.