A- A+
MediaTech
Rai, il piano immobiliare non convince: i consiglieri chiedono il rinvio
Carlo Fuortes, Amministratore delegato della Rai

Il patrimonio immobiliare Rai

Per quanto riguarda il grande patrimonio immobiliare della Rai, si parla di una consistenza complessiva di circa 663mila metri quadri, di cui circa l’85% di proprietà, distribuito su tutto il territorio nazionale e suddiviso in tre principali sottosistemi. Il primo è quello della Direzione generale (DG) – Uffici direzionali e servizi nelle aree di Roma e Torino; poi ci sono i Centri di Produzione a Roma, Milano, Torno e Napoli; infine le Sedi regionali con 17 principali sedi distribuite nei capoluoghi di regione ed altre sedi distaccate che presentano una commistione e tra aree direzionali, produttive e di servizio.

Viste le dimensioni e l’invecchiamento strutturale, l’immobiliare è un tema che si trascina da varie direzioni generali, da quella di Gubitosi, arrivando a Salini, ed ora è un nodo fondamentale del progetto di Fuortes per modernizzare la Rai.

Come si articolerà il piano?

Come riporta Primaonline, l’ analisi del patrimonio e delle sue potenzialità è stata elaborata dal direttore Infrastrutture immobiliari e Sedi Locali Roberto Cecatto. Un lavoro prezioso per permettere una razionalizzazione degli spazi e delle location, per massimizzare le sinergie produttive e l’efficienza, oltre all’importanza di rendere gli ambienti più sostenibili, più salubri e tecnologicamente avanzati, migliorando le condizioni di lavoro.

Altro tema, rilevante, il ritorno economico realizzato attraverso eventuali cessioni degli spazi superflui, denari che a Viale Mazzini servirebbero molto. Secondo indiscrezioni, il piano immobiliare di Fuortes ricalcherebbe quello dell’ex ad Rai, Fabrizio Salini, che prevedeva anche l’acquisizione dell’area del Portello per rafforzare il polo Rai a Milano. Un progetto, al centro dell’attenzione della Lega, su cui si erano scatenate inevitabili polemiche.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rai





    in evidenza
    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    De Filippi furiosa in tv

    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    
    in vetrina
    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


    motori
    Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

    Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.