A- A+
MediaTech
Rai, sì al tetto da 240 mila euro. Ma non vale per gli alti dirigenti

Il cda della Rai ha dato via libera unanime al codice di autoregolamentazione delle retribuzioni.

Il tetto viene posto a 240mila euro, ma sono previste diverse eccezioni. Sforare il limite, ha spiegato la Rai in una nota, “si rende necessario per garantire la possibilità di assicurarsi figure professionali in grado di guidare un'azienda estremamente complessa, che deve agire a pieno titolo sul mercato finanziario”. E quali sarebbero? Cfo, cto, direttori di Rai Pubblicità, risorse umane, comunicazione e affari legali. Per questi dirigenti, alla retribuzione fissa potrà essere aggiunta una “ridotta parte variabile secondo percentuali definite e collegate alla performance”, che il dg Campo Dall'Orto ha quantificato in circa 50mila euro.

"Si tratta, in sostanza - dice ancora il comunicato - di rispettare l'indicazione del tetto garantendo pero' a Rai la possibilita' di continuare a motivare, attrarre o trattenere i dipendenti con competenze altamente qualificate valorizzandone il merito". Viene anche rilevato che l'ok di oggi del Cda rappresenta "un passaggio molto importante nella vita dell'azienda in cui si e' dato seguito a quanto annunciato in Commissione di vigilanza nelle sedute del 27 e 28 luglio" scorsi. E comunque tutto questo "nella assoluta consapevolezza che, qualora vi fosse una diversa indicazione da parte del legislatore, l'azienda si atterra' ovviamente al rispetto di quanto deciso dalla legge".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
raitetto stipendi raiantonio campo dall'ortomonica maggionistipendi rai
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.