A- A+
MediaTech
Report, eredità Agnelli: carta segreta. La doppia firma di Marella e il tesoro

Report, Marella e il 19 maggio 2004: la data che stravolge tutto

Sulla complicata e intricata vicenda dell'eredità Agnelli, spuntano fatti inediti che rischiano di stravolgere gli equilibri di famiglia dopo la morte dell'Avvocato e la nascita dell'impero di John Elkann. La trasmissione Report di Rai Tre - si legge sul Fatto Quotidiano - questa sera mostrerà la documentazione depositata alla Camera di Commercio di Torino rivelando fatti finora mai rivelati. E, attraverso l’aiuto di consulenti, ne ha messo in fila tutte le anomalie. Oggi il capitale sociale è diviso tra i fratelli Elkann: John possiede il 60%, il restante 40% è ripartito in parti uguali tra Lapo e Ginevra: hanno la piena proprietà delle quote dal 23 febbraio 2019, giorno della morte della nonna Marella Caracciolo, vedova dell ’Avvocato. In realtà, già nel 2004, la signora aveva venduto ai nipoti la nuda proprietà del 41,29%, mantenendo l’usufrutto. Secondo una scrittura privata del 19 maggio di quell'anno, presentata alla Camera di Commercio di Torino solo il primo luglio 2021, Marella aveva ceduto l’1,29% delle sue quote a John per 2,5 milioni di euro, e il 20% a testa a Lapo e Ginevra per 39,2 milioni ciascuno.

Ma il 19 maggio 2004 - prosegue il Fatto - dove si trovavano Marella Caracciolo e i 3 fratelli Elkann? Potevano essere davvero a Ginevra, per firmare la cessione? Secondo Andrea Galli, l’investigatore incaricato da Margherita di indagare sulla residenza svizzera della madre, l’anziana donna "non poteva che trovarsi a Torino. La signora, il 21 maggio, partirà poi da lì per Marrakech". Report ha rintracciato un ulteriore documento, sempre datato 19 maggio 2004, che riguarda la modifica dell’oggetto sociale della Dicembre. Anche questo è privo dell’indicazione sul luogo in cui è stato redatto. Ma in calce, oltre alle firme di Marella Caracciolo e dei tre Elkann, ci sono quelle di Gianluigi Gabetti, consigliere di Gianni Agnelli, dell'avvocato Franzo Grande Stevens e della figlia Cristina oltre che di Cesare Ferrero, commercialista della famiglia. È possibile che si siano spostati tutti a Ginevra per redigere la modifica? O erano tutti a Torino? Da questo cavillo dipendono i 25mld dell'impero Exor.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eredità agnellireport





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.