A- A+
MediaTech
Spid a rischio flop: l'identità digitale è in ritardo

Spid, il sistema pubblico dell'identità digitale, avanza lentamente. Troppo. L'account che dovrebbe consentire l'accesso ai servizi della pubblica amministrazione è stato attivato da 86 mila 102 utenti. Poco, pochissimo rispetto ai numeri sbandierati dal governo: secondo il ministro Marianna Madia, le attivazioni dovrebbero essere 3 milioni entro la fine del 2016.

E invece lo Spid non è arrivato neppure a quota 100 mila. Pochi cittadini hanno un account, anche perché sono ancora pochi (648) i servizi e le amministrazioni (292) che passano dal sistema pubblico dell'identità digitale. Neppure un privato ha attivato lo Spid, segno che, di fatto, è impossibile utilizzare questo canale tra privati per pagare o farsi pagare le fatture. E non si parla solo di esercenti o piccole medie imprese. Trai i privati, lo Spid è stato ignorato anche dalle aziende che lo forniscono, cioè Poste, Tim e Infocert.

Il ritardo è evidente. E il governo vuole correre ai ripari. Anche perché sullo Spid si è giocato la faccia. È infatti il progetto più significativo dell'Agenda digitale. Il governo Renzi non sta confermando la promessa di spingere lo sviluppo digitale italiano (che non dipende solo dalla politica). Per rilanciare Spid, è stato varato un call center gestito dall'Agenzia per l'Italia Digitale. Basterà per raggiungere quota 3 milioni? Difficile dirlo, anche perché il progresso dev'essere trainato dal vertice. I cittadini avranno interesse a costruire una propria identità digitale se lo Spid garantisce una vasta gamma di servizi. Si attende quindi, prima di tutto, che Spid venga adottato da PA, scuole, università, comuni, aziende.   

Tags:
spididentità digitalesistema pubblico dell'identità digitalenumeri di spidservizi spid
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.