A- A+
MediaTech
Stresa, Mieli: "Coinvolto capo della sicurezza israeliana: dubbio attentato?"

L'incidente accaduto domenica tra Stresa e il Mottarone, che ha visto precipitare una cabina della funivia causando la morte di 14 persone, ha sconvolto non solo l'Italia ma il mondo intero, perché sono ancora ignote le cause e perché 5 famiglie sono state distrutte, in particolare quella di Amit Biran e sua moglie Tal Peleg, israeliani, che sono morti insieme a un figlio e i due nonni.

Ecco perché nel commento all'attualità di questa mattina, lunedì 24 maggio, Paolo Mieli su Radio 24 avanza "un dubbio" inquietante: "Sono anch'io come tutti sconvolto per l’incidente" dice, riferendosi a quanto accaduto sul Mottarone, "per caso c’è anche un’indagine in corso sul fatto che possa essersi trattato di un attentato?", chiede a Simone Spetia, che risponde un immediato: "No, non mi pare".

"Me lo sono domandato perché ho visto che fra i morti c’è la famiglia di un ragazzo israeliano, Amit Biran, che era un capo della sicurezza israeliana. Come sempre in questi casi non ho nessun elemento, ma mi è vanuto un dubbio, vista l'intera famiglia sterminata...". 

Insomma, Paolo Mieli collega l'origine israeliana di alcune delle vittime alle vicende che stanno sconvolgendo il Medio Oriente, con gli scontri a Gaza tra Israele e palestinesi. Ma stanno davvero così le cose? Amit Biran era davvero un "capo della sicurezza israeliana" come dice Mieli? Basta un semplice controllo per accertarsi che, sì, Amit Biran si occupava di sicurezza... ma di una scuola nel milanese.

Il ragazzo, infatti, viveva a Pavia ma collaborava con la comunità ebraica di Milano come volontario. "I suoi figli frequentavano la nostra scuola" racconta il presidente della comunità israelita milanese Milo Hasbani "e proprio per questo lui si occupava della sicurezza degli studenti, un servizio che noi chiamiamo protezione civile".

Tra volontario che gestisce la sicurezza degli studenti in una scuola milanese capo della sicurezza israeliana la differenza è tanta. I dubbi sono sempre leciti e anzi incoraggiano la riflessione, come insegnano fior fior di filosofi, da Bacon a Montaigne e tanti altri, ma il "dubbio" avanzato da Paolo Mieli rischia di trasformarsi in un allarme, proprio a causa della situazione geopolitica che ci troviamo a vivere, come lui stesso per altro ammette. Insomma, che sia per voglia di scoop o per genuino entusiasmo da cronista, a volte anche i direttori più navigati si fanno trasportare in acque pericolose.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    stresafuniviapaolo mieliradio 24
    in evidenza
    Mentana all'inizio della maratona Il Colle, il voto e l'ironia social

    Quirinale/ Rete scatenata

    Mentana all'inizio della maratona
    Il Colle, il voto e l'ironia social

    i più visti
    in vetrina
    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

    Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

    Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.