A- A+
MediaTech
The Sandbox, scatta l’ora dei Metaverse. A braccetto VideoGame e BlockChain

 

Di Silvio Ceci (silvioceci@cecitax.it)
 

Quando la BlockChain incontra i Videogame scatta la  novità per i creativi  del nuovo mondo dei metaverse: universi online nati per creare videogiochi dove grafici 3D, game designer e artisti possono vendere i propri manufatti immateriali e creazioni digitali.

The Sandbox  ha creato un fondo da milioni di dollari reali per una mercato di beni virtuali nei videogame. Investitori stanno investendo migliaia di dollari  per acquistare terreni o beni virtuali  che non esistono nella realtà fisica ma che si trovano nel mondo virtuale dei metaverse e videogiochi . 

Gli speculatori classici  traggono profitto in attesa della rivalutazione e relativo  rialzo dei prezzi per rivendere, altri invece puntano a un ricavo costruendo sul terreno virtuale  un negozio, un ristorante, un parco concerti un museo una galleria ecc. ecc. dove gli utenti ( o meglio i loro avatar ) possono andare pagando un biglietto sotto forma di token. Oppure più semplicemente li si mette in affitto proprio come fanno tanti proprietari  di immobili nella vita reale .

Il digital real estate è ormai una realtà.  The Sandbox è la piattaforma dove è possibile creare architetture e scenari di ogni tipo. Ricordate Second Life? Negli anni del massimo boom aveva già aperto la strada a professioni decisamente originali, come quella dell'architetto di mondi virtuali. 

Con The Sandbox,  è possibile costruire architetture e scenari di ogni tipo. E' un mondo virtuale  dove è possibile creare videogiochi ma anche beni digitali immateriali. Basta comprare una “Land" ( un appezzamento virtuale che corrisponde ad uno spazio di 96x96x128 metri che equivalgono a 3072x3072x4096 di Voxel – spazio virtuale i Pixel Volumetrici ) della mappa, che è un Nft (Non fungible token ) a tutti gli effetti e decidere come meglio utilizzarla ( costruirci digitalmente  case, alberghi, ristoranti, parchi giochi, musei ecc ) . 

Gli appezzamenti immateriali sono acquistabili attraverso tutte le  criptovalute  certificate dalla blockchain , a costi tutto sommato ancora contenuti.  Gli investitori in the Sandbox in Italia sono già più’ di 5.000. Nel 2020 un terreno virtuale  più piccolo costava 40 dollari oggi in meno di 12 mesi il prezzo di acquisto sfiora i 700 dollari.

Questo spazio tridimensionale ha un estensione limitata garantita dalla blockchain. Sugli appezzamenti possiamo trovarci giochi diversi e l'utente può spostarsi da un terreno all'altro provando i tanti videogame di questo mondo virtuale. All'aumentare dei terreni venduti, i lotti disponibili si riducono e quindi il mercato dei prezzi varia inevitabilmente al rialzo. L'esempio  di The Sandbox,   ha già attratto un marchio come Atari (big produttore di videogiochi ).

Creatori di  videogames, artisti digitali e tutti quelli che esprimono la propria creatività nel mondo dei pixel sono sempre più al centro dell'attenzione da quando qualche settimana  fa l'opera The First 5.000 days, un enorme collage digitale dell'artista Beeple, è stato venduto per la cifra record di 69 milioni di dollari da parte della casa d'aste Christie’s. Ormai  le vendite all’asta di arte digitale battono ogni record!  

The Sandbox incentiva e sostiene i creativi , mette a disposizione dei giocatori 2 strumenti gratuiti: il primo si chiama the Game maker e permette ad un player di sviluppare un videogame all'interno della sua proprietà virtuale. Il secondo si chiama Voxedit e consente di creare Voxel art, opere d'arte in voxel (controparte tridimensionale del pixel bidimensionale ), ma anche personaggi  e oggetti che potranno popolare i vari videogame .

Emblematico il caso di un brand moda di scarpe che vuole sviluppare e vendere le proprie sneakers come NFT su The Sandbox. Cosi’ quando l'utente entra nel mondo virtuale può’ decidere di vestire il proprio  avatar con calzature  standard , e quindi gratuite , o mettergli ai piedi particolari scarpe acquistabili con cripto valuta sul nostro markeplace . 

Sono aumentate le persone che trascorrono molto tempo  giocando  on line  e quindi diventa inevitabile ed importante distinguersi con degli item digitali unici. Una tendenza supportata grazie alla blockchain.

Nei videogame tradizionali quando un gamer acquista una skin ( una vestito virtuale ) per il proprio avatar, in realtà, non ha la proprietà, che rimane in capo alla software house che ha sviluppato il gioco. Diversamente all'interno di The SandBox, la vendita è reale . Tu stai acquistando questo paio di scarpe sneakers, che sono Nft, e le avrai per sempre , a meno che non decidi di rivenderle ad altri utenti giocatori. 

Nei videogame cambia il paradigma: si passa dal free to play  al play to earn. Il metaverse The Sandbox punta  infatti a rivoluzionare il concetto di 'gaming'  perché permette  a tutti i  creativi  di ogni tipo di costruire un mondo , un'esperienza, una performance, un gioco, un'opera di arte o semplici oggetti virtuali, un evento social e di monetizzare poi attraverso il sistema dei Nft.

Commenti
    Tags:
    sandbox metaverse
    in evidenza
    Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

    Bomba sul suo futuro

    Leotta, indiscrezione clamorosa
    "Pare che Diletta non ha..."

    i più visti
    in vetrina
    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania

    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania


    casa, immobiliare
    motori
    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.