A- A+
MediaTech
All'Università si studia League of Legends: "I videogame come uno sport di squadra"

L'università non è più quella di una volta. Gli studenti si sono ritrovati Lady Gaga tra i libri di sociologia e i Simpson tra quelli di filosofia. Ma mai un videogame era diventato materia di un intero corso. 

All'Università di Pikeville, Kentucky, gli studenti possono scegliere di praticare League of Legends, un gioco multi-player on line, come "attività sportiva". Al posto di calcio o basket. Con venti borse di studio disponibili.  

I responsabili del progetto affermano che "League of Legends richiede abilità e rafforza lo spirito di squadra". Come fosse un tornedo di football, gli studenti si alleneranno e studieranno con sessioni video le squadre avversarie che dovranno affrontare. Come in uno sport. Peccato che non sia uno sport. Che al massimo consente di muovere un dito. E che potrà anche rafforzare lo spirito ma non certo il corpo.

Tags:
videogameleague of legenduniversità
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.