A- A+
MediaTech
Zuckerberg "copia" un'azienda italiana: scontro sul design del marchio Meta

Meta, il fondatore di Facebook non avrebbe utilizzato per primo il marchio della società 

Una società romana di comunicazione e public affairs porta in tribunale Mark Zuckerberg: Maim Group fa causa a Meta e intende "andare fino in fondo". Il pomo della discordia, spiega la società in una nota, risiede nel logo che accomuna le due realtà. Un confronto che rievoca la sfida tra Davide e Golia.

Il marchio conteso è una grande "M" dalle forme tondeggianti, che riconduce al simbolo stilizzato dell'infinito. Un logo che il fondatore di Facebook non avrebbe utilizzato per primo. Anzi, si tratterebbe di contraffazione (non di plagio, come ipotizzato in un primo momento*), secondo Fabio Perugia e Daniel Funaro, fondatori dell'agenzia di comunicazione e pubblic affairs Maim.

Meta, che ha inglobato anche WhatsApp e Instagram, Zuckerberg avrebbe copiato il loro marchio. La causa per contraffazione è già stata avviata. "Siamo Davide contro Golia, non ci sfugge. Ma abbiamo la forza della ragione e della verità", spiega Perugia.

"Il giorno della presentazione di Meta ci sono arrivate decine di messaggi. Sulle prime ci è venuto da ridere. Clienti e amici ci chiedevano se ci avessero copiato il marchio. Poi chi ci conosce meno ha iniziato a domandare se fossimo stati noi a prenderci il logo di Facebook. A quel punto ci siamo dovuti tutelare", incalza Perugia.

La società, che ha sede nel centro di Roma, si è affidata a due avvocati, i professori Maurizio Sciuto e Andrea Zoppini. Il ricorso punta molto sulla tempistica di registrazione del logo Maim: il marchio è utilizzato già da ottobre 2020, la domanda è stata depositata il 26 aprile 2021 e vidimata il 29 ottobre 2021.

Quello di Meta, invece, è spuntato per la prima volta sempre nell'ottobre 2021, si legge. Risulta una registrazione il 5 ottobre 2021 in Giamaica. Per l'Europa, invece, le domande avanzate dalla società di Zuckerberg sono ancora pendenti. Il simbolo Meta - è la posizione di Maim - non è nemmeno registrato in Italia. 

“Meta non può utilizzare quel logo in Italia”, spiega all'AGI Fabio Perugia, 38 anni, romano, co-founder insieme a Daniel Funaro di Maim Group. Alla fine di ottobre del 2021 Zuckerberg ha presentato al mondo il rebranding di Facebook: nuovo nome, Meta, e nuovo logo.

In contemporanea i cellulari di Fabio Perugia e Daniel Funaro hanno iniziato ad essere tempestati di frasi del tipo: Ma hai visto il nuovo logo di Meta? Ma non è uguale al vostro? Ma ve lo hanno copiato? “Non so se la volontà era quella di copiare il logo, ma risulta identico al nostro”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    denunciametazuckerberg





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.