A- A+
Medicina
Alzheimer, la scoperta: ecco chi fu la prima malata di Alzheimer

Alzheimer, la scoperta sul primo paziente

La prima malata di Alzheimer non fu la paziente curata dal dottor Alzheimer, in Germania, ma una donna di Nicastro (Cz), Angela R. di 38 anni, che gia' nel 1904, quindi 3 anni prima che la malattia venisse scientificamente descritta da Alzheimer, era affetta da questa patologia, cosi' come risulta dalla cartella clinica presente nell'ospedale psichiatrico di Girifalco (Cz).

Alzheimer, in Calabria la prima paziente



La scoperta e' stata fatta dal Centro Regionale di Neurogenetica di Lamezia Terme, diretto dalla professoressa Amalia Cecilia Bruni, grazie al recupero di oltre 5.000 cartelle, delle 16.000 presenti nell'ex manicomio di Girifalco, tra le quali e' stata individuata anche quella della donna di Nicastro, che presenta tutte le caratteristiche della malattia di Alzheimer. Un nuovo importante risultato scientifico, quello del Centro Regionale di Neurogenetica lametino - spiega una nota dell'asp di Catanzaro - tanto che e' stato anche pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale "Journal of Neurology".

Alzheimer, in Italia il primo vero caso




Il lavoro dello staff diretto dalla prof.ssa Amalia Cecilia Bruni ha permesso infatti per la prima volta, prima che la stessa malattia venisse descritta, l'identificazione di una ammalata di Alzheimer. E questo e' stato possibile grazie al lavoro certosino dell'e'quipe del CRN dell'Asp di Catanzaro, che e' a ritroso di ben 6 generazioni fino al 1809. "Angela R. e' il primo vero caso di malattia di Alzheimer ed e' nata qui e non in Germania - ha affermato Amalia Bruni - lo sappiamo con certezza poiche' questa donna e' l'antenato dei nostri pazienti con la mutazione di presenilina. Un omaggio alla nostra storia di Calabria, all'avanzamento delle conoscenze che questa famiglia continua a regalare alla collettivita' scientifica, un riconoscimento al nostro metodo di lavoro, un riconoscimento alla raccolta della storia clinica e all'osservazione che i nostri antenati neurologi sviluppavano in assenza di qualsiasi indagine, un omaggio a una delle tante donne colpite dalla malattia".

Alzheimer, ecco come comportarsi con i malati



Tutto questo dimostra quanto sia importante l'approccio utilizzato dal Centro lametino nello studio della patologia, che non riguarda solo l'aspetto medico, ma tutto cio' che circonda il malato. Bisogna accogliere i malati di Alzheimer non segregarli. "Bisogna combattere lo stigma a livello sociale - ha spiegato Amalia Bruni - uno stigma che arriva dal passato, quando questi malati venivano ricoverati negli ospedali psichiatrici, per tenerli lontani dalla societa'. Il nostro lavoro e' quello di abbattere questo stigma: un'azione che si puo' portare avanti con l'aiuto di tutti, per creare cosi' una comunita' capace di accogliere il paziente con demenza. Bisogna insegnare a tutti cosa significa avere l'Alzheimer, in modo da attuare un processo di accompagnamento e non di segregazione sociale".

Tags:
alzheimer scopertaalzheimer primo malatoalzheimer malata donna calabrese
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...

Sky Calcio, tagliato il costo dell'abbonamento. E il pacchetto Sky Sport...


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.