A- A+
Medicina
Alzheimer, le luci strobo (tipo discoteca) per combatterlo. Novità Alzheimer

Alzheimer, la luce stroboscopica elimina le proteine che si accumulano nel cervello

Dalla discoteca al laboratorio medico. La nuova vita delle luci stroboscopiche. Un nuovo trattamento, basato sull'utilizzo di una luce lampeggiante, potrebbe aiutare a scongiurare il morbo di Alzheimer. Almeno nei topi sui quali e' stato testato. Questo e' quanto emerso da uno studio del Massachusetts Institute of Technology (Usa), pubblicato sulla rivista Nature. I ricercatori hanno scoperto che far lampeggiare una luce stroboscopica negli occhi dei topi puo' incoraggiare le cellule protettive ad eliminare le proteine dannose che si accumulano nel cervello di chi soffre di Alzheimer. In particolare, la luce deve essere fatta lampeggiare 40 volte al secondo, 4 volte piu' veloce di uno stroboscopio da discoteca. I ricercatori dicono che questo approccio dovrebbe essere testato sugli esseri umani. Per questo hanno gia' fatto domanda d'autorizzazione all'agenzia regolatrice statunitense, la Food and drugs administration, e hanno creato una societa' per sviluppare a tecnologia. 

SPECIALE ALZHEIMER, TUTTE LE ULTIME NOTIZIE

Alzheimer, la scoperta: ecco chi fu la prima malata di Alzheimer

La prima malata di Alzheimer non fu la paziente curata dal dottor Alzheimer, in Germania, ma una donna di Nicastro (Cz), Angela R. di 38 anni, che gia' nel 1904, quindi 3 anni prima che la malattia venisse scientificamente descritta da Alzheimer, era affetta da questa patologia, cosi' come risulta dalla cartella clinica presente nell'ospedale psichiatrico di Girifalco (Cz). La scoperta e' stata fatta dal Centro Regionale di Neurogenetica di Lamezia Terme, diretto dalla professoressa Amalia Cecilia Bruni, grazie al recupero di oltre 5.000 cartelle, delle 16.000 presenti nell'ex manicomio di Girifalco, tra le quali e' stata individuata anche quella della donna di Nicastro, che presenta tutte le caratteristiche della malattia di Alzheimer. Un nuovo importante risultato scientifico, quello del Centro Regionale di Neurogenetica lametino - spiega una nota dell'asp di Catanzaro - tanto che e' stato anche pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale "Journal of Neurology".

Alzheimer, in Italia il primo vero caso

Il lavoro dello staff diretto dalla prof.ssa Amalia Cecilia Bruni ha permesso infatti per la prima volta, prima che la stessa malattia venisse descritta, l'identificazione di una ammalata di Alzheimer. E questo e' stato possibile grazie al lavoro certosino dell'e'quipe del CRN dell'Asp di Catanzaro, che e' a ritroso di ben 6 generazioni fino al 1809. "Angela R. e' il primo vero caso di malattia di Alzheimer ed e' nata qui e non in Germania - ha affermato Amalia Bruni - lo sappiamo con certezza poiche' questa donna e' l'antenato dei nostri pazienti con la mutazione di presenilina. Un omaggio alla nostra storia di Calabria, all'avanzamento delle conoscenze che questa famiglia continua a regalare alla collettivita' scientifica, un riconoscimento al nostro metodo di lavoro, un riconoscimento alla raccolta della storia clinica e all'osservazione che i nostri antenati neurologi sviluppavano in assenza di qualsiasi indagine, un omaggio a una delle tante donne colpite dalla malattia".

Alzheimer, ecco come comportarsi con i malati

Tutto questo dimostra quanto sia importante l'approccio utilizzato dal Centro lametino nello studio della patologia, che non riguarda solo l'aspetto medico, ma tutto cio' che circonda il malato. Bisogna accogliere i malati di Alzheimer non segregarli. "Bisogna combattere lo stigma a livello sociale - ha spiegato Amalia Bruni - uno stigma che arriva dal passato, quando questi malati venivano ricoverati negli ospedali psichiatrici, per tenerli lontani dalla societa'. Il nostro lavoro e' quello di abbattere questo stigma: un'azione che si puo' portare avanti con l'aiuto di tutti, per creare cosi' una comunita' capace di accogliere il paziente con demenza. Bisogna insegnare a tutti cosa significa avere l'Alzheimer, in modo da attuare un processo di accompagnamento e non di segregazione sociale".

Alzheimer, obesità in adolescenza compromette funzione cognitiva da adulti

Essere obesi durante l'adolescenza puo' compromettere il funzionamento del cervello in eta' avanzata, anche se si perde peso tra i 20 e i 30 anni d'eta'. Queste sono, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio della della Hebrew University-Hadassah Braun School of Public Health and Community Medicine. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Alzheimer's Disease. I ricercatori hanno studiato a lungo quanto un alto indice di massa corporea puo' colpire la cognizione degli adulti, cosi' come aumentare il rischio di sviluppare diabete, ipertensione, Alzheimer e cancro. Ma questo nuovo studio israeliano e' il primo a trovare un legame tra obesita' nell'infanzia e nell'adolescenza e ripercussioni mentali nella mezza eta'. E questo legame sembra esser ancora piu' forte e grave nei gruppi socioeconomici piu' bassi. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno utilizzato i dati su altezza e peso di 507 individui monitorati da oltre 33 anni a partire dai 17 anni d'eta'. I partecipanti sono stati sottoposti a una valutazione cognitiva all'eta' compresa tra i 48 e i 52 anni. E' inoltre stata valutata la loro posizione socio-economica. Ebbene, dai risultati e' emerso che il peso da piccoli puo' influenzare le capacita' cognitive da adulti. "E' importante sottolineare che questo studio dimostra che l'obesita' ha l'impatto dell'obesita' sulla funzione cognitiva durante la mezza eta' puo' gia' cominciare nell'adolescenza, indipendentemente dalle variazioni dell'indice di massa corporea nel corso della vita adulta", ha detto Jeremy Kark, autore principale dello studio. 

Alzheimer, tre caffe' al di' riducono il rischio demenza

Il consumo moderato di caffeina, l'equivalente di massimo 3 caffe' al giorno, potrebbe aiutare a diminuire il rischio d sviluppare demenza. Secondo uno studio finanziato da sei grandi produttori di caffe' in Europa, il consumo di caffeina prolungato nel tempo permette all'organismo di fare il pieno di potenti antiossidanti che stimolano la funzione cognitiva. Questo significa che i bevitori moderati potrebbero essere meno a rischio Alzheimer, Parkinson e altri disturbi neurologici. I risultato di questa metanalisi, riportata dal Daily Mail, confuta i risultati di precedenti ricerche, le quali hanno suggerito che il consumo di caffe' puo' essere un male per la salute. Alcuni studi, infatti, lo hanno associato al rischio di aborto spontaneo, altri all'infarto e altri ancora a problemi di stomaco, vampate di calore e ansia. Il nuovo report, invece, ha messo insieme una serie di ricerche precedenti che delineano un quadro di comprovati effetti benefici del caffe' sul rischio demenza. "L'assunzione abituale di caffe' sembra influire beneficamente sulla cognizione, probabilmente attenuando il normale declino cognitivo"; si legge nel report. "Dal momento che questo effetto non e' stato riscontrato con il caffe' decaffeinato e' probabile che la caffeina sia la chiave dell'associazione", ha aggiunto. 

 

Tags:
alzheimer luci lampeggiantialzheimer luci stroboscopiche
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Ilary Blasi: "L'immaginazione dell'uomo...". LADY TOTTI, FOTO

Ilary Blasi: "L'immaginazione dell'uomo...". LADY TOTTI, FOTO


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.