A- A+
Medicina
Attenti alle bufale: stop alle false cure. Presto online il sito dei medici

Stop alle false cure mediche! In arrivo dall'ordine dei medici il sito "Attenti alle bufale" 

 

"Attenti alle bufale": si chiamerà proprio così il sito che l'ordine dei medici sta mettendo a punto per proteggere i cittadini dalle bufale che si trovano sul web e dalle false cure.

Un vero sito 'anti-bufale' in sanità, per smascherare le 'false cure' e lanciare allarmi quando è necessario. In modo da aiutare i cittadini a difendersi dai ciarlatani ed evitare anche le tante tragedie raccontate delle cronache, ultima delle quali la morte della 18enne che ha rifiutato la chemioterapia per seguire una cura alternativa.

 

"Attenti alle bufale": come nasce l'idea del sito contro le false cure mediche

 

L'idea è allo studio della Federazione nazionale degli Ordini dei medici de degli odontoiatri (Fnomceo) che appronterà un gruppo di studio ad hoc, con l'obiettivo di contrastare i ciarlatani, proprio sul web dove 'navigano' quasi incontrastati e le loro teorie moltiplicano i seguaci.

"Credo che uno spazio del genere in Rete - ha spiegato all'Adnkronos Salute il segretario generale della Fnomceo Luigi Conte - possa rivelarsi molto utile. Dare informazioni ed 'alert' su situazioni a rischio potrebbe essere molto utile. Anche per informare gli stessi camici bianchi sulle 'false cure' che girano in rete e non solo, e di cui spesso sanno poco. In questo campo, per esempio, la funzione del medico di famiglia, per informare ed orientare i pazienti, è davvero importante".

 

False cure mediche: come interviene l'ordine dei medici 

 

Gli Ordini dei medici possono intervenire con sanzioni disciplinari, come la radiazione, per i professionisti che ingannano i pazienti proponendo cure non scientificamente provate. "Il problema - ricorda Conte - è che bisognerebbe creare una rete internazionale per arginare questi fenomeni.

Prendiamo il caso di Tullio Simoncini, radiato perché 'curava' i tumori con il bicarbonato, mettendo a rischio la vita dei pazienti. Non ha potuto esercitare in Italia e in Europa ma lo ha potuto fare in altri Paesi. E non è il solo caso"

Conte sottolinea, inoltre, la necessità di "recuperare una razionalità generale in tema di scienza e far crescere la cultura scientifica e medica, a partire dalla scuola. Ed è anche molto importante far crescere la fiducia nelle istituzioni, contrastando la sempre più diffusa tendenza a cercare il 'complotto'. In questo campo ognuno deve fare la sua parte", sottolinea Conte.

Il segretario generale della Fnomceo considera importantissimo anche "far crescere la cultura e la competenza dei nostri medici. Come Federazione degli Ordini stiamo investendo su questo. La prossima settimana, per esempio, presenteremo una biblioteca virtuale ad accesso gratuito per i camici bianchi, dove sarà possibile aggiornarsi gratis su oltre mille riviste scientifiche.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attenti alle bufale medici fnomceoordine medici sito bufale
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.