A- A+
Medicina
Bambini, no zuccherro! Niente dolci e bibite sotto i 2 anni. Lo studio choc


Niente zucchero ai bambini: stop a dolci e bibite gassate sotto i due anni.

Che merendine, dolcetti, caramelle e bibite gassate non siano un toccasana per la salute è risaputo da tempo, ma che addirittura lo zucchero dovesse essere al bando totale fino ai due anni di età, lo rivela uno studio dell’American Heart Association, come scrive http://www.greenme.it.

Ma anche dopo e fino ai 18 anni, secondo i ricercatori lo zucchero dovrebbe essere un ingrediente da usare con parsimonia, non superando mai i 25 grammi, più o meno sei cucchiaini da caffè.

La severa direttiva, che di certo non farà felici bambini e adolescenti, nasce dopo una seria analisi sul problema obesità, diventato una piaga sempre più dilagante: nel mondo infatti vivono oltre 640 milioni di persone in sovrappeso, con tutta una serie di patologie legate ai chili di troppo.

Diabete, esposizione a infarti, effetti negativi sul cervello, sono solo alcuni esempi di ciò che potrebbe accadere a chi esagera con junk food e bibite gassate. Proprio per questo, negli ultimi anni sia l’Organizzazione mondiale della Sanità che la Food and Drug Administration americana hanno indicato tra le linee guida, che un adulto non dovrebbe superare i 50 grammi di zucchero al giorno, circa 10 cucchiaini.

Nei giorni scorsi, la Gran Bretagna ha poi introdotto una tassa sulle bibite che superano i limiti zuccherini che dovrebbe entrare in vigore entro il 2018. Una tassa, i cui introiti saranno poi utilizzati per promuovere campagne e attività che promuovano stili di vita più salutistici. Paesi come la Francia, il Messico e i paesi scandinavi hanno intrapreso da tempo la stessa strada per farsì che i cittadini riducano il consumo di dolci.

Anche in Italia, nel 2012 l’allora ministro della Salute Balduzzi aveva proposto l’introduzione di una tassa sulle bibite gassate, ma l’idea era poi finita nel dimenticatoio.

Lo zucchero è presente in moltissimi cibi e le possibilità di sforare sono all’ordine del giorno, ma c’è da considerare che la frutta e il latte sono esclusi dal divieto, anzi vengono consigliati.

"Tra le calorie che un bambino dovrebbe assumere non c’è spazio per il cibo spazzatura perché lo zucchero è già contenuto in tanti alimenti buoni per la salute", dice Miriam Vos, la pediatra e nutrizionista della Emory University che ha coordinato lo studio dell’American Heart Association.

D'altronde, secondo il team di ricercatori, bevande e merendine contengono calorie vuote, cioè che non portano alcun beneficio all’organismo, non sono dunque come i carboidrati, le vitamine, le proteine e il calcio.

"I bambini che mangiano molti prodotti zuccherati tendono poi a non assaggiare cibi a trascurare i cibi salutari come frutta, verdura, cereali integrali e derivati del latte, che fanno bene alla loro salute", aggiunge Vos.

Per questo motivo, eliminare gli zuccheri nei primi due anni di vita potrebbe abituarli a sapori più genuini.

Tags:
bambini dolci zucchero bibite gassatebambini studio american heart associationbambini bibite gassate dolci zucchero nientebambini stop zucchero american heart association
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.