A- A+
Medicina
Cancro: 30 mila pazienti italiani con tumore esclusi da cure radioterapiche

Cura del cancro in Italia: italiani esclusi da radioterapia e terapie oncologiche 

In Italia, ogni anno, 30 mila pazienti vengono esclusi dalla radioterapia e dai suoi benefici nella cura del cancro. Nel nostro paese, recenti studi confermano che sono all’incirca 370.000 i nuovi casi di tumore ogni anno  e 1.000 le nuove diagnosi al giorno. Per quanto riguarda la radioterapia, si stima che nel nostro paese siano oltre 180.000 i pazienti che potrebbero ogni anno trarre beneficio da questa terapia oncologica. Purtroppo però sussistono alcune significative barriere d'accesso, che in Italia si possono ricondurre a ordini di fattori di carattere strutturale, quali carenze di risorse tecniche e umane, e in una percezione della radioterapia come specialità medica oncologica ancora da consolidare.

Radioterapia: Europa, un paziente su quattro ha bisogno di cure radioterapia, invece viene escluso

L’appello sulla necessità di assicurare le cure radioterapiche a tutti i pazienti italiani è al centro della campagna di sensibilizzazione promossa dalla della Societa' Europea di Radioterapia e Oncologia che ha coinvolto diversi paesi europei, tra cui anche l’Italia. "Obiettivo della campagna e' ribadire che insieme alla chirurgia e alla chemioterapia, la radioterapia e' una delle primarie terapie oncologiche", dichiara Umberto Ricardi, presidente ESTRO. 
I risultati dell'indagine ESTRO condotta nell'ambito del progetto HERO rilevano che nei 27 Paesi Europei, di cui fa parte anche l'Italia, l'accesso alle cure radioterapiche e' estremamente eterogeneo e che un paziente su quattro che in Europa dovrebbe ricevere la radioterapia, ne resta invece escluso.

Cancro e radioterapia: Italia agli ultimi posti insieme a Bulgaria, Bielorussia e Repubblica Ceca

Per quanto riguarda l’Italia, nonostante il numero di strutture disseminate in tutto il territorio nazionale, la qualità delle cure erogate ai pazienti malati di cancro è molto bassa. “Osservando, infatti, i dati relativi alla distribuzione dei macchinari – commenta Umberto Riccardi - l'Italia risulta agli ultimissimi posti, con poco più di due unità a centro, al pari di paesi quali Bulgaria, Bielorussia e Repubblica Ceca, ovvero il cluster che emerge dall'indagine come il più arretrato a livello europeo. Anche analizzando il dato del numero di macchinari per milioni di abitanti, l'Italia si posiziona fuori dalla top-ten dei Paesi UE con una media pari a 5.7”.

Cura del cancro e distribuzione dei macchinari: un problema territoriale 

In Italia emerge una disomogeneità territoriale nella distribuzione dei macchinari per la cura del cancro: alcune regioni, infatti, raggiungono gli standard europei che prevedono dalle 7 alle 8 macchine per milione di abitanti, ed altre sono molto al di sotto di essi. Una situazione che coinvolge soprattutto il Centro-Sud costringendo molti pazienti a preferire il Centro-Nord per poter accedere alle cure radioterapiche senza lunghe attese.

Commenti
    Tags:
    cancrocura cancrocancro cureradioterapia italiacancro cure italiacancro cure radioterapia
    in evidenza
    Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

    La riconciliazione

    Fedez e J-Ax, pace fatta
    "Un regalo per Milano e..."

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

    Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.