A- A+
Medicina
Cancro, testato il casco che salva i capelli dalla chemio con ottimi risultati

Tumori, casco che salva i capelli dalla chemioterapia: come evitare la perdita dei capelli

Il casco “salva-capelli” sta dando ottimi risultati sui pazienti che lo utilizzano durante la chemioterapia per evitare la perdita dei capelli. L’ultimo utilizzo del casco refrigerante è avvenuto all’Ospedale Umberto I di Lugo di Romagna a Ravenna, dove il suo utilizzo ha bloccato la perdita dei capelli nel 56% delle pazienti trattate.

 

Cancro e perdita dei capelli, come funziona il casco refrigerante che salva i capelli durante la chemio

Il casco che salva i capelli durante i trattamenti contro il cancro viene applicato sulla testa dei pazienti prima come una normale cuffia. L’effetto refrigerante induce i piccoli vasi sanguigni che irrorano il bulbo pilifero a restringersi. L’efficacia del casco come antidoto alla perdita dei capelli si nota già dopo i 30 minuti dall’inizio della chemioterapia. Anche se il tempo di posa è complessivamente di circa due ore.


Chemioterapia, come nasce il casco salva capelli contro la perdita dei capelli

Il casco di ghiaccio funziona in base al meccanismo del sistema inglese Paxman ovvero un raffreddamento controllato del cuoio capelluto. Il casco viene utilizzato per trattare due pazienti per volta, per un totale di 4 al giorno, mantenendo una temperatura fissa di -4°C. In generale, si stima che circa il 50-70% dei pazienti che lo utilizzano riescano ad evitare la perdita dei capelli dovuta all’uso dei farmaci chemioterapici.

 

Perdita dei capelli durante la chemio: i diversi tipi di casco refrigerante salva capelli

Esistono diverse versioni del casco di ghiaccio contro la perdita dei capelli durante la chemio. La prima è la termo-cuffia ghiacciata, la quale necessita di essere cambiata durante il trattamento perché non riesce a mantenere la temperatura per molto tempo. La seconda è la cuffia ipotermica (scalp cooler): ovvero una cuffia ghiacciata che viene collegata ad una macchina che fa circolare il liquido freddo all’interno della cuffia. Ed infine il macchinario mobile che rilascia aria fredda sul cuoio capelluto a mò asciugacapelli.

 

Casco refrigerante in Italia: risultati positivi per evitare la perdita dei capelli

Il casco refrigerante è stato testato su pazienti giovani e adulte, le quali sono riuscite a salvare i capelli e mantenere una vita sociale quasi normale. In Italia, il casco salva-capelli viene impiegato anche in diversi ospedali italiani ed i risultati sono stati positivi. Specialmente per le donne che lo hanno utilizzato, il casco è stato un ottimo metodo per evitare l’utilizzo della parrucca mentre si sostengono le cure chemioterapiche. In Romagna l’Ospedale Umberto I di Lugo a Ravenna è l’unica struttura, assieme a Rimini, a poter offrire questa possibilità.

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    cancro casco salva capellicancro e perdita dei capellicasco che salva i capellicasco salva capellicome evitare la perdita dei capellicome funziona il casco refrigerantecome funziona il casco salva capellicasco salva capelli chemioterapia
    in evidenza
    Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    Euro 2020, super Italia

    Gioiello di Pessina, Galles ko
    Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.