A- A+
Medicina
Chemioterapia senza caduta capelli: ecco la cuffia per non perdere capelli

Chemioterapia senza caduta dei capelli: arriva la cuffia salva capelli

 

Chemioterapia, al Sant'Anna arriva la cuffia che salva i capelli e ne evita la caduta. Tutte le chemioterapie fanno perdere i capelli? In realtà no, esistono infatti dei farmaci chemioterapici molto leggeri che evitano la caduta dei capelli. Tuttavia la perdita dei capelli è uno dei più frequenti e fastidiosi effetti collaterali della chemioterapia. Ma da oggi è possibile sottoporsi alla chemioterapia senza perdere i capelli grazie alla cuffia refrigerata Paxman.

 

Chemioterapia, stop alla caduta dei capelli. Al Sant'Anna arriva la cuffia refrigerata Paxman

 

Per la prima volta all'ospedale Sant'Anna della Città della Salute di Torino arriva una rivoluzionaria apparecchiatura per aiutare i pazienti sottoposti a chemioterapia a non perdere i capelli, grazie all’Associazione “Insenoallavita” Onlus. A darne comunicazione è proprio il sito Città della Salute

 

Chemioterapia, perché cadono i capelli 

 

La caduta dei capelli, o alopecia, durante la chemioterapia si verifica a causa dell'atrofia parziale o totale della radice del bulbo pilifero, 'attaccato' dal farmaco. Questa condizione ha certamente un impatto negativo nella quotidianità del malato che non si riconosce più

Dice il dott. Saverio Danese, che insieme alla dott.ssa Elisa Picardo, si è occupato di formare lo staff infermieristico del Day Hospital Oncologico dell'ospedale Sant'Anna sull’utilizzo della cuffia refrigerata Paxman: "L'alopecia viene vissuta come una continua dimostrazione della propria malattia, alterando le relazioni sociali e familiari. Questo problema fisico ed emozionale può portare ad una riluttanza o rifiuto a sottoporsi a trattamenti chemioterapici"

 

Chemioterapia più facile da affrontare con la cuffia salva capelli: come funziona la cuffia refrigerante

 

La cuffia refrigerata che evita la caduta dei capelli durante la chemioterapia è dotata di due postazioni, che vengono impiegate in contemporanea alle sedute di chemioterapia, alle pazienti viene fatta indossare una cuffia, simile ad un casco da parrucchiera, che abbassa la temperatura del cuoio capelluto, producendo una sensibile riduzione del flusso di sangue ai follicoli piliferi, preservandoli in questo modo dalla distruzione.

Nel dettaglio: la cuffia refrigerata Paxman non è altro che una cuffia di silicone morbido, collegata ad un impianto frigorifero compatto, che viene posta sulla testa del paziente prima, durante e dopo il trattamento chemioterapico. La temperatura del cuoio capelluto viene abbassata gradualmente, facendo circolare un refrigerante speciale all'interno della cuffia, ed è mantenuta costante per tutto il periodo del trattamento, partendo da circa 20 minuti prima e continuando anche a fine seduta per un periodo di tempo che può variare da 45 minuti sino a 2 ore. La perdita dei capelli a seguito di alcuni trattamenti di chemioterapia si verifica a causa dell'atrofia parziale o totale della radice del bulbo pilifero, “attaccato” dal farmaco. Il sistema del raffreddamento produce invece una sensibile riduzione del flusso di sangue ai follicoli piliferi, preservandoli in questo modo dalla distruzione. Il sistema 

Tags:
chemioterapia senza caduta capellicuffia refrigerata paxman
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.