A- A+
Medicina
Comunicare la salute dopo la pandemia, come fare? “Serve creatività”
Kent Groves, Head of Global Strategy di Dentsu 

Comprendere il journey della persona, prima ancora che del paziente, è la chiave

Due anni di pandemia globale hanno radicalmente modificato le aspettative del consumatore riguardo al settore delle farmaceutiche. Sì, ma in che direzione? E quali sono le traiettorie evolutive che i brand dovranno seguire nei prossimi anni, per rispondere a queste aspettative?

Dentsu risponde attraverso la voce e l’esperienza di Kent Groves, Head of Global Strategy di dentsu health, la soluzione trasversale edicata alla consulenza operativa e di comunicazione in ambito farmaceutico. Più di 20 anni dedicati all’industry farmaceutica, collaborando con le più grandi aziende del settore, Kent è stato ospite di dentsu italia in occasione di “Untold Stories about Health”, evento curato dalle agenzie creative del gruppo e dedicato a prospect e clienti del mondo health.

In occasione dello speech, Groves ha presentato un estratto dell’ebook “Health Trend 2030” di dentsu health, indicando possibili soluzioni e prospettive rispetto alle principali sfide che i brand del settore farmaceutico si trovano ad affrontare nel nostro Paese.

“Le limitazioni e i paletti ci sono in qualsiasi Paese del mondo: quello che vogliamo far capire alle aziende farmaceutiche è che ci sono tante modalità di interazione con i propri potenziali target che tendono a non essere considerate perché ritenute fuori corda rispetto al tono di voce dell’industry, ma che al contrario si dimostrano spesso la carta vincente per accompagnare le persone attraverso la loro personale patient-journey multi-canale, che sempre di più unisce online e offline, fonti esperte e passaparola” – commenta Kent Groves, dentsu health – “La creatività è una chiave imprescindibile per questo settore, e può accelerare l’individuazione di soluzioni e percorsi di scoperta alternativi per gli utenti: e se si pensa a che differenza – umana, concreta - può fare in questo ambito la rapidità con cui agevoliamo il passaggio da una fase del funnel alla successiva, è facile comprendere quanto impellente sia per il settore l’integrazione di un approccio creativo a tutto tondo”.

“Dentsu Health affianca le agenzie creative del gruppo dentsu portando una expertise decennale riguardo alla grammatica e alle esigenze del mondo farmaceutico, proprio per agevolare e abilitare l’adozione di nuovi strumenti di comunicazione all’interno del mix delle aziende farmaceutiche” aggiunge Stefano Pagani, CEO di The Story Lab, l’advertainment agency del gruppo dentsu, che ha rilasciato Untold Stories about Health, una ricerca basata su dati completamente italiani che ha coinvolto un campione di circa 250 persone attraverso un questionario online e una serie di focus group, dedicati alle aspettative dei consumatori rispetto alle comunicazioni inerenti l’ambito health.

Il paper è dedicato all’industry farmaceutica e individua le opportunità ancora da esplorare nel mondo della comunicazione Health, attraverso sei capitoli focalizzati sull’analisi della relazione tra le persone e le informazioni branded e unbranded connesse alla sfera della salute.

“Lo studio analizza i diversi passaggi che conducono un potenziale paziente o care giver nell’esplorazione della propria patologia e nella ricerca di una possibile soluzione, indagandone gli stimoli, le barriere, lo stato d’animo e le paure e confrontando le esigenze degli utenti con le risposte attualmente fornite dai brand farmaceutici” – spiega Pagani – “I nostri dati locali confermano i trend 2030 individuati da dentsu health: siamo agli albori di una nuova epoca, per il settore farmaceutico. E mai come in questo caso muoversi per primi può realmente fare la differenza”.

Commenti
    Tags:
    dentsufarmaciapandemiapharmasalute




    in evidenza
    Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

    Carlo Conti a Sanremo

    Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

    
    in vetrina
    Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

    Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


    motori
    Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

    Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.