A- A+
Medicina
Cosa fare se un figlio si droga. Consigli per i genitori

Secondo i dati dell’Osservatorio Adolescenti di Telefono Azzurro e DoxaKids (2014) il 13% dei ragazzi intervistati dagli 11 ai 19 anni ha dichiarato di fare uso di stupefacenti e ben il 53,6% sostiene di conoscere almeno una persona che fa uso di droghe. Marijuana, hashish ma anche cocaina, allucinogeni, inalanti ed eroina: l'età della prima "dose" risalirebbe ai 12/13 anni, ma spesso anche prima.

Ad aggravare questo dato, il fatto che molto spesso il consumo di stupefacenti è abbinato all'assunzione di alcol: il 26,4% dei giovani intervistati ha raccontato di aver visto qualcuno dei suoi coetanei abusare contemporanemante di alcolici e droghe.

Non risulta quindi affatto infondato il timore, comune a molti genitori, che i propri figli possano entrare in contatto con droga e sostanze stupefacenti già durante l'adolescenza. Quali sono, allora, i segnali da cogliere che possono rivelarci un uso di droghe da parte dei nostri figli? Come interpretarli e gestirli?

Quali sono i campanelli d'allarme per capire se i nostri figli fanno uso di droga

"Capire che un figlio o una persona a noi cara utilizza sostanze stupefacenti non è una cosa così semplice o intuitiva! - afferma il Dottor Ferri - I segnali più comuni, ma anche apparentemente aspecifici, sono la tendenza ad essere nervoso, i frequenti ritardi o cambi di programma, la perdita di interesse in attività ludico/sportive prima piacevoli, la frequente richiesta di soldi per piccoli inconvenienti o spese come la perdita del telefonino, di materiale scolastico, una multa o acquisto di oggetti non rinvenuti), calo del profitto scolastico, frequenti uscite da casa, abbandono delle relazioni amicali storiche."

Quando rivolgersi a uno specialista

Nelle fasi inziali non è semplice la distinzione fra una "banale" crisi adolescenziale e una problematica più seria di abuso di droghe: il confine è sfumato e talvolta confuso. Man mano che il disagio si intensifica, invece, la distanza tra le due situazioni aumenta, il dialogo tende ad azzerarsi e la persona diventa affettivamente irriconoscibile per i propri genitori. Le problematiche comportamentali e gestionali da episodiche diventano quotidiane e a questo punto è assolutamente necessario rivolgersi ad uno specialista.

Proporre a un figlio un supporto specialistico non è banale: la chiave, soprattutto in questa fase iniziale, è la capacità di trasmettere accoglimento, amorevole preoccupazione e desiderio di comprendere, evitando il più possibile atteggiamenti punitivi e giudicanti. In alcuni casi si può invitare il proprio figlio a parlare con uno specialista per avere più dati scientifici e il parere di un esperto, in altri casi può essere utile mettersi in gioco collettivamente e proporre un colloquio con uno specialista per aiutare tutta la famiglia a comprendere meglio cosa sta succedendo.

Il Gruppo Ginestra: gestione a 360° delle dipendenze

"Il Gruppo Ginestra offre un supporto capillare per questo tipo di problematiche – spiega il Dottor Ferri - "Dai colloqui ambulatoriali con il paziente al supporto ai familiari con incontri dedicati. Dal ricovero in ambiente clinico per la disintossicazione ad interventi domiciliari urgenti in casi particolarmente problematici.

Le emergenze da uso di sostanze riguardano gravi episodi di aggressività, intossicazioni o stati allucinatori con deliri. In alcuni casi più complessi, strutturiamo un percorso residenziale o semiresidenziale in ambiente protetto."

Come si può proporre ad un figlio drogato un supporto specialistico?

La chiave, soprattutto in questa fase iniziale, è la capacità di trasmettere accoglimento, amorevole preoccupazione e desiderio di comprendere. Vanno evitati atteggiamenti punitivi e giudicanti.

In alcuni casi si può invitare il proprio figlio a parlare con uno specialista per avere più dati scientifici e il parere di un esperto, in altri casi può essere utile mettersi in gioco come famiglia e proporre un colloquio con uno specialista per aiutare tutta la famiglia a comprendere meglio cosa sta succedendo.

Quali sono gli interventi che il Gruppo Ginestra può proporre se nostro figlio fa uso di droga?

Il nostro gruppo offre un supporto capillare per questo tipo di problematiche.

Dai colloqui con il paziente al supporto ai familiari con incontri dedicati. Dal ricovero in ambiente clinico per la disintossicazione ad interventi domiciliari urgenti in casi particolarmente problematici.

Le emergenze da uso di sostanze riguardano gravi episodi di aggressività, intossicazioni o stati allucinatori con deliri.

In alcuni casi più complessi, strutturiamo un percorso residenziale o semiresidenziale in ambiente protetto.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
droga adolescenti allarmeadolescenti droga consigliadolescenti droga come comportarsiragazzi drogati consigli genitorifiglio drogato cosa fare
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.