A- A+
Medicina
Covid-19, la salute mentale grave rischio per i lavoratori

Pandemia e salute mentale sono stati al centro dell’interesse dell’OMS nel corso della recente Giornata Mondiale  sulla salute mentale. Il quadro emerso è deludente, provocato dall'incapacità globale di fornire alle persone i servizi di salute mentale di cui hanno bisogno, soprattutto in un momento in cui la pandemia di Covid-19 sha evidenziato una grande richiesta di aiuto.

Secondo analisi condotte dalla società di ricerca di personale Hays oltre il 50% dei lavoratori internazionali intervistati ha dichiarato che la pandemia ha avuto un impatto negativo sulla loro stabilità emotiva.

E la maggior parte di essi ha sofferto nell’ultimo anno di qualche forma di ansia, stanchezza o esaurimento a causa del proprio lavoro.

Problemi avvertiti anche da dirigenti e quadri intermedi. Nove su dieci non sono riusciti a gestire i propri team durante il COVID.

Secondo molti psicologi la vera pandemia in arrivo è quella della salute mentale perchè il Covid-19 ha toccato lo stato emotivo della società e il mondo del lavoro.

La salute mentale dei lavoratori, un rischio, dopo il Covid-19

Molti professionisti stanno soffrendo per un sovraccarico di stress che metterà a dura prova i servizi sanitari che spesso sono carenti di psichiatri e psicologi.

E nella maggior parte dell’Europa si è notato che il consumo di droghe non ha smesso di crescere dopo quasi 17 mesi di pandemia, l’uso di sonniferi e rilassanti è aumentato del 6% tra agosto 2020 e 2021 e quello di depressivi del sistema nervoso del 4%.

Adesso il vero problema sembra essere quella della stanchezza pandemica. Per molte persone il lavoro da casa aveva aumentato la qualità della vita e, improvvisamente, per decreto sono dovute tornare in ufficio.

Questo sta generando molta frustrazione e disagio. Due persone su quattro risentono del ritorno al lavoro.

Stare in ufficio non impedisce le riunioni di Zoom o Teams e queste formule miste causano molto stress, depressione e tristezza.

Secondo molti sanitari la sindrome ansioso-depressiva è quella più diffusa.

La salute mentale dei lavoratori, un rischio, per il Covid-19

Il Covid ha raddoppiato o triplicato i tassi di stress da lavoro elevato, i rischi di cattiva salute mentale e problemi di sonno rispetto al 2016.

Tra il 2020 e il 2021 è aumentato il carico di lavoro che deve essere svolto in un dato tempo e su cui il lavoratore ha un basso potere di influenza. Il rischio di avere problemi di salute mentale è cresciuto di quasi quattro punti tra i lavoratori che hanno i bisogni primari coperti e di oltre cinque punti tra quelli i cui salari bassi non consentono loro di coprirli. Qualcosa di simile a quanto accade con i problemi di sonno o con il consumo di droghe.

I più esposti a questi rischi sono chiaramente i lavoratori precari e le donne, con figure professionali come aiutanti di cucina, lavoratori delle case di cura, lavoratori domestici, tecnici dell'emergenza, cassieri e rifornitori, infermieri assistenti, camerieri e addetti alle pulizie.

Nonostante uno studio Sodexo confermi che il 60% delle aziende considera il benessere fisico ed emotivo dei propri dipendenti la sfida principale da affrontare, la realtà è che pochi valutano seriamente i rischi psicosociali della propria forza lavoro e sono ancor meno quelli che prendono misure serie  per cambiare le condizioni di lavoro. Condizioni come: che la forza lavoro si adatti al carico di lavoro esistente, che si generino metodi di lavoro più partecipativi e meno gerarchici, che le carenze nei processi vengano corrette e che venga modificato l'uso illegale che viene dato al contratto temporaneo.

Molti psicologi considerano che si sta avvertendo che questi rischi psicosociali portano a dipendenze da droghe e alcol. Ma anche per evitare i suicidi dovuti a situazioni stressanti o alla paura di perdere il lavoro.

Sono ancora poche le aziende che danno ancora ai propri dipendenti una flessibilità totale per scegliere dove e quando vogliono lavorare. Ma tra quelli che lo fanno (ING, Liberty Seguros o pfsGROUP), l'impegno dei lavoratori rimane superiore al 90%.

Meno di un mese fa, il Congresso ha ammesso la prima proposta di legge generale sulla salute mentale su richiesta di United We Can, un importante passaggio che mette l'assistenza psicologica in una posizione prioritaria.

Secondo l’OMS gli Stati contribuiscono in media al 2% dei loro bilanci pubblici alla salute mentale, una percentuale che non è cambiata negli ultimi anni. Tale percentuale assicura che oltre il 70% della spesa pubblica totale sia stata destinata agli ospedali per la salute mentale a paesi a basso reddito, rispetto al 35% dei paesi ad alto reddito. Meno del 50% della popolazione mondiale riceve cure per condizioni psicologiche, il 40% per la depressione e il 29% per la psicosi.

Tuttavia, fortunatamente, il numero di operatori specializzati in salute mentale è aumentato, da nove lavoratori ogni 100.000 abitanti nel 2014 a 13 lavoratori nel 2020.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covid-19lavoratoriomspandemiasalute mentale
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.