A- A+
Medicina
Covid-19, rientro a scuola con stress i problemi di studenti, piccoli e grandi

“Non si tratta di una semplice ripresa – sottolinea la dottoressa Silvia Riboldi psicoterapeuta- dopo un lungo periodo lontano dai banchi, il rientro a scuola va gestito con tutte le cautele del caso”.

Un rientro a scuola questo, diverso da tutti gli altri.

La prima campanella ha assunto significati differenti per bambini e ragazzi. Da una parte i più grandi stanno tornando a socializzare e a confrontarsi con i coetanei, riprendendo un discorso formativo e di crescita. Un discorso che, a causa  della pandemia, sono stati costretti a interrompere.

Dall'altra parte, per i più piccoli, tornare significa abbandonare il “nido” e confrontarsi per la prima volta o dopo molto tempo con il mondo esterno, con le gioie e le insidie che questo rappresenta.

Il ritorno tra i banchi e la ripresa delle attività scolastiche ed extrascolastiche, dopo le vacanze estive, crea normalmente ansia, paura e agitazione che solitamente scompaiono in poche settimane. Spesso, è la paura dell'ignoto, nuovi compagni di classe, insegnanti o il pensiero di dover studiare materie difficili, e questo  potrebbe accrescere i livelli di stress per i bambini, all'inizio della scuola.

Quest'anno però i ragazzi potrebbero dover fare i conti con  maggiori difficoltà, perché tornare a scuola dopo tanti mesi di chiusure e isolamento, può essere vissuto dagli studenti come un complicato trauma che potrebbe provocare forti emozioni disturbanti, con aumento dei disagi psicologici. Disagi legati a paura, ansie e stress, che possono tradursi anche in disturbi fisici.

“Il disagio psicologico, che si esprime sia sul piano emotivo, delle relazioni, che cognitivo, degli apprendimenti, è cresciuto molto con la pandemia-evidenzia David Lazzari Presidente del Consiglio Nazionale degli Psicologi-  proprio in una situazione dove invece sarebbero necessarie maggiori risorse psicologiche per affrontare le sfide del presente e del futuro”.

Giustamente ci si preoccupa della salute fisica dei ragazzi e degli insegnanti e si cerca di adottare le misure più idonee, ma il benessere e la salute psicologica non vanno lasciate indietro, anche perché tra i bambini e i ragazzi la pandemia ha inciso soprattutto su questi aspetti.

“Un percorso che va gestito con estrema attenzione”spiega la dottoressa Silvia Riboldi, specializzata in psicoterapia cognitiva comportamentale dell'età adolescenziale e infantile, psicologa di formazioneinfanzia.it, il portale di Mustela per i professionisti dell’infanzia.

“Non si tratta di una semplice ripresa – sottolinea la dottoressa –dopo un lungo periodo lontano dai banchi, il rientro a scuola va gestito con tutte le cautele del caso. Alcuni hanno vissuto la didattica a distanza, come un momento di sollievo. Ora, invece, torneranno le lezioni e le interrogazioni in presenza che negli alunni più fragili potrebbero provocare ansia. È compito dei genitori ed anche  degli insegnanti gestire questo momento di transizione. Discorso diverso, invece, per i più piccoli. La separazione dai genitori e dalla casa, con tutto ciò che significa, rappresenta una vera e propria cesura”.

Cosa fare? Cosa suggeriscono gli esperti?

Condivisione e ascolto restano le parole chiave perché sentire quel che hanno  da dire i ragazzi li rasserena e li aiuta a riconoscersi.

Con i più piccoli, diventa cruciale un distacco graduale, green pass permettendo. Accompagnare fisicamente i bambini all'interno dell'aula permette loro di prendere confidenza con la nuova realtà evitando un impatto traumatico.

Quello che è richiesto in questo momento, in linea generale, è uno sforzo di inclusione per permettere agli adolescenti e ai bambini di cominciare a costruire o ricostruire la loro identità sociale. E’ importante quindi l’ascolto da parte di genitori ed insegnanti e soprattutto la capacità di incoraggiare i ragazzi ad esprimere le loro emozioni, anche quando appaiono confuse, per aiutarli a gestire al meglio quest’onda emotiva per non trovarsi sopraffatti da un carico che rischia di disorientare, specie i più piccoli.

Una sfida che non si può vincere da soli, ma che deve vedere tutti i protagonisti fare fronte comune:  genitori, insegnanti, tutto il personale scolastico. Dopo i mesi di buio e paura è il momento della rinascita, in cui tutti sono chiamati a dare il proprio contributo.

Commenti
    Tags:
    covid-19scuolastudentistress
    in evidenza
    "Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

    Guarda il video

    "Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

    
    in vetrina
    Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te

    Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te


    motori
    Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

    Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.