A- A+
Medicina
Declino cognitivo diagnosi: c'è relazione tra la forza dei muscoli e cervello

Declino cognitivo: un nuovo studio conferma che la forza dell'impugnatura può segnalare la presenza di declino cognitivo legato all'età e che mantenersi attivi mantiene in salute il cervello  - Salute e benessere

Il declino cognitivo è un problema che molti di noi saranno costretti ad affrontare con il passare del tempo. Questo problema è infatti associato all'età ma in alcuni casi può dipendere anche da altri fattori. Stando alle ultime ricerche ci sarebbe una correlazione tra muscoli e cervello. La forza con cui si impugnano gli oggetti sarebbe collegata al benessere della testa e al declino cognitivo.

Declino cognitivo: la forza dell'impugnatura può aiutare a trovare i segnali del declino cognitivo - Salute e benessere

Una presa debole quando si impugna un oggetto di qualsiasi tipo potrebbe essere un indizio di declino cognitivo. Misurare la forza dei muscoli delle mani e delle braccia può servire a trovare le avvisaglie di deficit di memoria o nell'apprendimento collegati alla vecchiaia. A dirlo è uno studio realizzato dai ricercatori della North Dakota State University e pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease.

Declino cognitivo: meno è forte la presa più è alto il rischio di declino cognitivo grave - Salute e benessere

La ricerca ha riguardato 13.828 soggetti con almeno 50 anni, che sono stati seguiti per un periodo di 8 anni. Gli scienziati hanno misurato con un dinamometro la forza dell'impugnatura e le capacità cognitive con i tradizionali test per valutare la memoria, l'orientamento e la capacità di attnezione e linguaggio. Dai dati è emerso che quando la forza dell'impugnatura diminuisce cresce invece la probabilità di soffrire di un declino cognitivo e soprattutto di declino cognitivo grave.  

Declino cognitivo: mantenersi attivi e fare movimento aiutano a mantenere sano il cervello - Salute e benessere

La ricerca conferma ancora una volta che "rimanere fisicamente attivi influisce sulla salute cognitiva" e che potenziare la muscolatura potrebbe avere effetti sul cervello, afferma la gerontologa Sheria Robinson-Lane, autore principale dello studio. "Interventi mirati a prevenire o ritardare il declino cognitivo dovrebbero anche prevedere la misurazione della forza dell'impugnatura come strumento di valutazione", conclude l'esperta.

Commenti
    Tags:
    muscoli e cervellocervello umanocervello salutecervello e salutedeclino cognitivodeclino cognitivo legato all’età avanzatadeclino cognitivo lievedeclino cognitivo moderatodeclino moderato gravedeclino cognitivo come si curadeclino cognitivo curedeclino cognitivo sintomideclino cognitivo causesalute e benesseredeclino cognitivo lieve sintomideclino cognitivo diagnosi
    Loading...
    in evidenza
    Via il reggiseno in spiaggia... Le foto dell'ex di Ramazzotti

    Marica Pellegrinelli sensualissima

    Via il reggiseno in spiaggia...
    Le foto dell'ex di Ramazzotti

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto con caldo, afa e qualche temporale

    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto con caldo, afa e qualche temporale


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Enyaq iV, il primo SUV elettrico di Skoda

    Enyaq iV, il primo SUV elettrico di Skoda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.