A- A+
Medicina
Declino cognitivo diagnosi: c'è relazione tra la forza dei muscoli e cervello

Declino cognitivo: un nuovo studio conferma che la forza dell'impugnatura può segnalare la presenza di declino cognitivo legato all'età e che mantenersi attivi mantiene in salute il cervello  - Salute e benessere

Il declino cognitivo è un problema che molti di noi saranno costretti ad affrontare con il passare del tempo. Questo problema è infatti associato all'età ma in alcuni casi può dipendere anche da altri fattori. Stando alle ultime ricerche ci sarebbe una correlazione tra muscoli e cervello. La forza con cui si impugnano gli oggetti sarebbe collegata al benessere della testa e al declino cognitivo.

Declino cognitivo: la forza dell'impugnatura può aiutare a trovare i segnali del declino cognitivo - Salute e benessere

Una presa debole quando si impugna un oggetto di qualsiasi tipo potrebbe essere un indizio di declino cognitivo. Misurare la forza dei muscoli delle mani e delle braccia può servire a trovare le avvisaglie di deficit di memoria o nell'apprendimento collegati alla vecchiaia. A dirlo è uno studio realizzato dai ricercatori della North Dakota State University e pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease.

Declino cognitivo: meno è forte la presa più è alto il rischio di declino cognitivo grave - Salute e benessere

La ricerca ha riguardato 13.828 soggetti con almeno 50 anni, che sono stati seguiti per un periodo di 8 anni. Gli scienziati hanno misurato con un dinamometro la forza dell'impugnatura e le capacità cognitive con i tradizionali test per valutare la memoria, l'orientamento e la capacità di attnezione e linguaggio. Dai dati è emerso che quando la forza dell'impugnatura diminuisce cresce invece la probabilità di soffrire di un declino cognitivo e soprattutto di declino cognitivo grave.  

Declino cognitivo: mantenersi attivi e fare movimento aiutano a mantenere sano il cervello - Salute e benessere

La ricerca conferma ancora una volta che "rimanere fisicamente attivi influisce sulla salute cognitiva" e che potenziare la muscolatura potrebbe avere effetti sul cervello, afferma la gerontologa Sheria Robinson-Lane, autore principale dello studio. "Interventi mirati a prevenire o ritardare il declino cognitivo dovrebbero anche prevedere la misurazione della forza dell'impugnatura come strumento di valutazione", conclude l'esperta.

Commenti
    Tags:
    muscoli e cervellocervello umanocervello salutecervello e salutedeclino cognitivodeclino cognitivo legato all’età avanzatadeclino cognitivo lievedeclino cognitivo moderatodeclino moderato gravedeclino cognitivo come si curadeclino cognitivo curedeclino cognitivo sintomideclino cognitivo causesalute e benesseredeclino cognitivo lieve sintomideclino cognitivo diagnosi
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: il futuro è completamente elettrico

    Mercedes: il futuro è completamente elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.