A- A+
Medicina
Infarto, arrabbiarsi raddoppia il rischio di INFARTO. Allarme cuore
Rabbia, stress e attività fisica pesante raddoppiano il rischio di infarto

Infarto, arrabbiarsi raddoppia il rischio di INFARTO. Allarme cuore


A dirlo un ampio studio globale realizzato su oltre 12.000 pazienti che hanno avuto un attacco di cuore.


Cause d’infarto: gli attacchi di cuore sono legati allo stato emotivo dei pazienti, rabbia, forti emozioni e attività fisica pesante aumentano drasticamente il rischio di infarto.


Per la prima volta è stato individuato un forte legame tra l'attacco di cuore e quello che i pazienti stavano facendo e stavano provando a livello emotivo nell'ora che ha preceduto l'evento.


Infarto, fare sport intensi quando si è arrabbiati aumenta i rischi di infarto


una connessione tra l’esercizio fisico intenso in momenti di nervosismo con il rischio di avere un attacco di cuore. Il discorso riguarda specialmente gli over 60.

 

Arrabbiarsi raddoppia il rischio di infarto: la ricerca


Lo studio, pubblicato sulla rivista Circulation, ha rivelato che essere arrabbiato o emotivamente sconvolto aumenta più del doppio il rischio di subire un attacco di cuore. Anche l’esecuzione di attività fisica intensa in uno stato altamente emotivo più che triplica il rischio di infarto. I ricercatori hanno confrontato il comportamento delle persone nei 60 minuti prima della comparsa dei sintomi dell’attacco di cuore con lo stesso periodo 24 ore prima.

I risultati, basati su un'analisi dei pazienti che hanno subito un attacco di cuore in 52 paesi, sono stati coerenti indipendentemente da altri fattori di rischio cardiovascolare tradizionali, come l'obesità, l'alta pressione sanguigna e la dieta.

 

Perché arrabbiarsi aumenta il rischio di infarto

 

I ricercatori, alla luce dei dati analizzati, affermano che  le emozioni negative e l’attività fisica intensa possono aumentare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, riducendo l'apporto di sangue e ossigeno al cuore, ciò può causare il formarsi di placche arteriose che staccandosi dalle pareti possono  provocare un infarto miocardico acuto o un attacco cardiaco.

Già in precedenza, altri studi avevano rilevato i legami tra il rischio infarto e la rabbia, lo stress, l’attività fisica come anche stati emotivi di estrema felicità, ma questi studi per lo più hanno coinvolto un piccolo numero di soggetti provenienti da paesi occidentali.

In questo caso, invece, i ricercatori del Population Institute Health Research presso la McMaster University di Hamilton, Ontario, hanno analizzato i dati di pazienti che sono stati esaminati e intervistati in 262 centri di salute in tutto il mondo. I pazienti, circa tre quarti dei quali erano uomini, avevano in media 58 anni.

Nell'ora prima che i primi sintomi di infarto si sono presentati, il 13,6% dei soggetti analizzati sono stati impegnati in sforzi fisici pesanti, e il 9,1% lo era stato il giorno precedente. Sentimenti di rabbia o l’essere emotivamente sconvolto sono stati riportati dal 14,4% dei pazienti e dal 9,9% il giorno prima. La maggior parte degli attacchi di cuore si sono verificati nella fascia oraria 06:00-18:00. Tra i problemi che potrebbero influenzare i risultati, i tempi e l'intensità della rabbia e dell'esercizio fisico

Tags:
infarto causeinfarto rabbia
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.