A- A+
Medicina
Inquinamento atmosferico può intaccare i polmoni del feto

Inquintamento atomosferico: le nanoparticelle di carbonio nero penetrano la placenta nel primo e secondo trimestre e intaccano anche organi in formazione del feto come i polmoni

Le particelle di inquinamento atmosferico possono raggiungere i bambini nel grembo materno passando attraverso il flusso sanguigno della madre, nella placenta fino agli organi in via di sviluppo del bambino entro le prime 12 settimane. A suggerirlo un importante studio condotto dagli scienziati dell’Università di Aberdeen, nel Regno Unito, e dell’Università di Hasselt, in Belgio.

I ricercatori hanno studiato le nanoparticelle di inquinamento atmosferico, chiamate black carbon – o particelle di fuliggine – per determinare se potevano raggiungere il feto. Per la prima volta, hanno scoperto prove che gli inquinanti sono entrati negli organi in via di sviluppo, inclusi fegato, polmoni e cervello. Hanno trovato pericolose nanoparticelle – dai gas di scarico e dai combustibili fossili – che hanno attraversato la placenta nel feto nell’utero già a tre mesi dall’inizio della gravidanza.

Inquinamento atmosferico: "Ciò che è ancora più preoccupante è che queste particelle di carbonio nero entrano anche nel cervello umano in via di sviluppo"

Più le madri sono state esposte all'inquinamento atmosferico, maggiore è il livello di nanoparticelle di carbonio nero trovate nel bambino, secondo i risultati pubblicati su Lancet Planetary Health. Gli esperti ritengono che ciò potrebbe significare che le donne incinte che vivono nelle parti più inquinate del Paese sono maggiormente a rischio di natimortalità e i bambini nati con problemi di salute.

"Quello che abbiamo dimostrato per la prima volta è che le nanoparticelle di inquinamento atmosferico di carbonio nero non solo entrano nella placenta del primo e del secondo trimestre, ma poi si fanno strada anche negli organi del feto in via di sviluppo, inclusi fegato e polmoni” scrivono gli autori. “Ciò che è ancora più preoccupante è che queste particelle di carbonio nero entrano anche nel cervello umano in via di sviluppo. Ciò significa che è possibile che queste nanoparticelle interagiscano direttamente con i sistemi di controllo all’interno di organi e cellule fetali umani”, concludono.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fetoinquinamento atmosfericomedicinasalute




in evidenza
Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti


in vetrina
John Travolta is back dopo Sanremo: lo spot U-Power con Diletta Leotta

John Travolta is back dopo Sanremo: lo spot U-Power con Diletta Leotta


motori
Abarth e Breil: eleganza e prestazioni nel nuovo orologio Limited Edition

Abarth e Breil: eleganza e prestazioni nel nuovo orologio Limited Edition

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.