A- A+
Medicina
Osteopatia, la scelgono in 10 milioni. Battaglia per lo status professionale

 

Lombalgie, cefalee, ma anche reflusso gastroesofageo e sindrome del colon irritabile, oltre a un importante supporto in pediatria e trattamento del dolore in gravidanza: l'osteopatia è molto più di un trattamento contro il solo mal di schiena, e anche gli italiani sembrano averlo definitivamente capito, apprezzando questa medicina manuale.

Il sondaggio. Secondo un recente sondaggio condotto dal sociologo Renato Mannheimer, sono quasi 10milioni gli italiani che hanno già scelto l'osteopatia come rimedio a uno dei problemi elencati in precedenza; inoltre, due italiani su tre conoscono la pratica e circa il 20% l’ha utilizzata almeno una volta per se stesso o per un proprio familiare, con buoni risultati in termini di "soddisfazione", che arriva a sfiorare il 90%.

10 milioni di pazienti. Questi numeri rafforzano la posizione del Registro osteopati d'Italia (Roi), la principale associazione del settore, di cui fa parte anche Tcio, una delle principali scuole di osteopatia a Milano, che si sta battendo per il riconoscimento giuridico e formale della professione. In particolare, l'invito è all'approvazione del Ddl Lorenzin, sugli Ordini sanitari e le sperimentazioni cliniche, che all’articolo 4 riconosce l'osteopatia come professione sanitaria, fermo alla Camera dopo l'esito positivo dell'iter in Senato.

Non solo mal di schiena. Secondo l’indagine, sette italiani su dieci si rivolgono all’osteopata in cerca di un sollievo dal mal di schiena, a riprova di come nell'immaginario collettivo questa terapia medica, fondata alla fine dell’800 dal medico statunitense Andrey Taylor Still, sia strettamente correlata alla cura di questi disturbi. Non si deve però pensare a una medicina alternativa, perché l'osteopatia è piuttosto un metodo di cura complementare alla medicina tradizionale, basato sul contatto, esclusivamente manuale, del paziente; "più in generale, l’osteopatia si occupa della gestione del dolore, sia cronico che acuto", come sottolinea Paola Sciomachen, presidente del Roi.

Cosa cura l'osteopatia. In particolare, questa pratica "è utilizzata soprattutto per trattare le lombalgie, ma ha anche altre indicazioni come cefalea muscolo tensiva, reflusso gastroesofageo e sindrome del colon irritabile. E molte ricerche ne mostrano anche l'utilità in pediatria e per trattare il dolore in gravidanza, influendo anche sulla buona riuscita del parto", aggiunge la Sciomachen, che poi torna a ribadire l'importanza del riconoscimento della professione, che servirebbe a tutelare maggiormente sia gli operatori del settore che gli stessi pazienti.

Una professione radicata e integrata. "I dati confermano che l'osteopatia è scelta e apprezzata da milioni di cittadini come sistema di cura, ed è quindi già una professione radicata che deve essere riconosciuta", afferma infatti Sciomachen. La situazione attuale, infatti, si affida per lo più alla buona volontà degli operatori e di associazioni come il Roi, che negli ultimi mesi ha dapprima avviato un censimento degli osteopati italiani e successivamente redatto un "Manifesto" dell'osteopata, in cui raccoglie i principi alla base della professione e gli elementi indispensabili per il suo esercizio.

L'esempio europeo. A livello europeo, l'osteopatia è riconosciuta come professione sanitaria in Gran Bretagna, Svizzera, Islanda e a Malta, mentre è già regolamentata in Francia, Portogallo, Turchia e Lichtenstein; il decreto Lorenzin, dunque, consentirebbe ai professionisti italiani di colmare questo gap, utile non solo a livello formale. Al giorno d'oggi, in Italia i pazienti che si rivolgono all’osteopata si affidano principalmente al passaparola, ma in un caso su tre si chiede consiglio al proprio medico: "Un risultato che mostra come l’osteopatia sia già, nei fatti, una professione integrata con le altre, in un sistema di cura che vede la salute del paziente al centro di un disegno che interessa più discipline" conclude Paola Sciomachen.
 

Tags:
osteopatiaosteopata mal di schienacome curare mal di schienarenato mannheimerreflusso gastroesofageosindrome del colon irritabile
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.