A- A+
Medicina
Quando muori sai di essere morto: la mente muore dopo il corpo. Studio choc

La mente muore dopo il corpo: quando moriamo siamo coscienti di essere morti

 

Quando muori sai di essere morto: lo rivela lo studio principale sull’argomento che dimostra come la mente funziona ancora dopo che il corpo non mostra segni di vita.

Gli scienziati affermano che la gente è consapevole di essere morta perché la coscienza continua a lavorare anche dopo che il corpo ha smesso di mostrare i segni della vita. Ciò significa che, teoricamente, qualcuno può anche sentire la propria morte annunciata dai medici.

La rivelazione, secondo quanto riporta l’Independet,  è stata fatta dal dott. Sam Parnia, direttore della “critical care and resuscitation research” alla NYU Langone School of Medicine diNew York City.

 

Quando moriamo siamo coscienti di morire: la mente muore dopo il corpo. Lo studio

 

La morte è definita come il punto in cui il cuore non batte più e il flusso di sangue smette di arrivare al cervello, ma uno studio choc, il più importante sull’argomento, rivela che la mente muore dopo il corpo.

Il team di ricercatori ha preso in analisi persone che hanno subito un arresto cardiaco, ovvero morti tecnicamente, ma che successivamente si sono ripresi. 

Alcuni dei pazienti analizzati dicono che avevano la consapevolezza di intere conversazioni e di essere stati in grado di vedere le cose che stavano avvenendo intorno a loro, anche dopo che erano stata pronunciata la loro morte.

Il dottor Sam Parnia ha dichiarato: "Tecnicamente il momento della morte si basa sul momento in cui il cure smette di battere, una volta che succede, il sangue non circola più nel cervello, il che significa che la funzione del cervello si ferma quasi istantaneamente e si perdono tutti i riflessi dalle gambe al cervello” Tuttavia esistono sono prove che suggeriscono la presenza di una scossa di energia cerebrale quando qualcuno muore.

Nel 2013 i ricercatori dell'Università del Michigan hanno esaminato i segnali elettrici all'interno del cervello di nove ratti anestetizzati con un attacco cardiaco indotto e hanno visto segni di attività che sono stati collegati ad uno stato di "iper-allarme" nel breve periodo dopo la morte clinica.

Dott. Parnia ha affermato: "Stiamo cercando di comprendere le caratteristiche esatte che le persone sperimentano quando passano attraverso la morte, perché capiamo che questo rispecchia l'esperienza universale che tutti avremo quando moriremo”

Tags:
quando muori sai di morirela mente muore dopo il corpo
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.