A- A+
Medicina
Salute, attività fisica e sport armi contro i rischi di patologie letali

Salute, attività e sport armi contro i rischi di mortalità

Che lo sport faccia bene alla salute non è certo una novità ma una verità dimostrata in diversi studi. Ora però “European Heart Journal” ha pubblicato i risultati di due indagini fatte su oltre 70.000 adulti della Biobanca del Regno Unito. I due lavori hanno confermato, ancora una volta, che l’esercizio fisico è una valida misura di medicina preventiva e lo sport è sempre la migliore medicina. La novità sta nel aver registrato che non sempre è necessario “farne tanta” ma ne basta poca ma intensa. Le due indagini hanno utilizzato accelerometri per misurare movimento e l'intensità dell'attività fisica dei testimonials”. 60/ 70 minuti a settimana di attività vigorosa possono ridurre il rischio di mortalità del 30%. In aggiunta un recente studio del dottor Matthew N. Ahmadi indica che un training  minimo di 20 minuti a settimana di attività fisica vigorosa fornisce livelli simili di minor rischio di mortalità. La ricerca guidata dallo scienziato dell'Università di Sydney, ha osservato 72.000 adulti (56% donne ed età media 62,5 anni) senza malattie cardiovascolari o cancro per sette anni.

Salute, 15 minuti al giorno di attività fisica intensa potrebbero allontanare i rischi di cancro

Le evidenze indicano che solo 15 minuti di intensa attività fisica alla settimana potrebbero ridurre del 15% la mortalità per tutte le cause e il rischio di cancro. E se poi si estende l’attività ad altri cinque minuti, fino a 20 a settimana, si potrebbero ridurre del 40% i rischi di malattie cardiache. “Uno dei risultati più singolari dello studio è che non è necessario fare un'attività fisica vigorosa per lunghi periodi per ottenere benefici.-ha confermato il ricercatore- Pertanto, qualsiasi attività fisica offre l'opportunità di movimenti intensi, ad un ritmo più veloce o ad un'intensità maggiore per brevi periodi di tempo. Questo può essere particolarmente importante per le persone che non hanno tempo o non vogliono andare in palestra o fare esercizi tradizionali”. E un ulteriore osservazione è che,  anche in quelle persone con cattive condizioni fisiche con fattori di rischio cardiovascolare (diabete, ipertensione, obesità, ecc.), fare questo vigoroso esercizio in brevi periodi di tempo fino a due minuti e quattro volte al giorno riduce la mortalità di un 27%. Altro consiglio è quello di dare priorità all'intensità senza dimenticare la quantità. La seconda indagine punta nella stessa direzione dopo aver seguito più di 80.000 adulti anche in questi casi per sette anni (58% donne e 62 anni in media). Dopo aver analizzato i dati dell'accelerometro, i ricercatori hanno scoperto che il volume totale di attività fisica era fortemente associato a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, maggiore è la parte del volume totale di attività fisica ottenuta da un esercizio moderato o intenso, maggiore è la riduzione del rischio cardiovascolare.

Salute, sport arma contro i rischi di patologie cardiovascolari

“Abbiamo visto che quando i livelli complessivi di attività fisica sono raddoppiati, non vi è stato alcun effetto significativo sui tassi di malattie cardiovascolari quando la percentuale di attività fisica da moderata a vigorosa è stata mantenuta al 10% del totale. Tuttavia, il rischio di malattie cardiovascolari si è ridotto del 23% e del 40% quando la percentuale di attività fisica da moderata a vigorosa è aumentata a rappresentare rispettivamente il 20% e il 40% del totale" conferma l’autore principale dello studio, dott. Paddy C. Dempsey, ricercatore presso le università britanniche di Leicester e Cambridge. Nonostante questi dati Dempsey preferisce dire che  non si puo’ dire che “il volume non ha importanza”, poiché intensità e volume sono intrinsecamente correlati. Invece di affrontare qualità e quantità, bisogna parlare di diverse opzioni o modi per ottenere benefici attraverso l'esercizio fisico, in modo che ogni persona possa scegliere o gravitare verso un approccio che funzioni meglio per loro . Si raccomanda è la corretta associazione di entrambi i fattori, intensità e volume, essendo sempre chiaro che non è la stessa cosa fare una passeggiata a passo lento, con una cadenza bassa, piuttosto che farlo con un ritmo più energico.

Salute, il MET unità di misura dell'attività fisica

L'intensità dell'attività fisica è misurata in MET, che è il tasso metabolico o il consumo di ossigeno al minuto per un adulto a riposo. 1 MET equivale a 3,5 ml O2/kg/min. Fino a 3 MET di consumo di ossigeno al minuto parleremmo di attività leggera. Le attività domestiche o le attività che implicano stare seduti o riposare la maggior parte del tempo si trovano in questo intervallo. Tra 3 e 6 MET si parlerebbe già di attività fisica moderata. Questo passaggio includerebbe anche alcune attività domestiche che comportano più movimento (spazzare, passare l'aspirapolvere, strofinare il pavimento), così come salire o scendere le scale verso casa, trasportare oggetti leggeri o attività fisiche leggere o altre praticato con intensità moderata (danza, escursionismo, calcio, pallacanestro o tennis a livelli moderati). Da 6 MET un'attività è considerata intensa o vigorosa. Ciò include lavori di carico e scarico che comportano grandi volumi, lavori agricoli o di giardinaggio ad alta intensità, corsa su o giù per le scale o qualsiasi attività fisica (corsa, aerobica, nuoto, sci, arrampicata , pallacanestro ) o qualsiasi altro sport praticato intensamente.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attività fisicacardiovascolarerischisalutesport




in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.