A- A+
Medicina
Salute, creme solari e ossido di zinco nei trucchi: il mix è rischioso
solari

Salute, creme solari e ossido di zinco, mischiarli abbassa il fattore di protezione Uv fino al 91,8%. Emersi effetti tossici su embrioni di danio zebrato, lo studio

E' meglio evitare di mescolare l’ossido di zinco alle creme solari. Il mix infatti comporta una diminuzione della protezione contro i raggi Uva. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Photochemical & Photobiological Sciences la combinazione di alcune miscele chimiche, sicure per la pelle, con l’ossido di zinco, utilizzato spesso come ingrediente per creme lenitive e protettive contro irritazioni o nei trucchi, peggiora l’efficacia del contrasto ai raggi solari.

Lo studio evidenzia come questo mix, esposto al sole, abbia provocato effetti tossici sugli embrioni di pesce zebra, utilizzati per i test della ricerca. Nel dettaglio, nel corso del lavoro effettuato dagli scienziati delle università dell’Oregon e di Leeds, sono state create 5 diverse miscele di filtri solari attraverso l’utilizzo di ingredienti approvati sia negli Stati Uniti sia nell’Unione europea. In una di queste cinque creme, i ricercatori hanno aggiunto il 6% di ossido di zinco.

In quest’ultima, dopo due ore di esposizione, è stata registrata una significativa fotodegradazione delle molecole. Il fattore di protezione Uv, è emerso, ha subito una riduzione compresa tra l’84,3% e il 91,8% nella crema con l’aggiunta di ossido di zinco, mentre appena del 15,8% in quelle senza il minerale.

“La protezione solare è sempre consigliata – ha spiegato il coautore dello studio, Richard Blackburn – ma sconsigliamo di mescolare le creme con l’ossido di zinco, sia intenzionalmente per creare filtri solari ibridi, sia incidentalmente, ad esempio spalmando la crema sopra a un’altra che invece è composta dal minerale”.

Quanto alla tossicità rilevata, i ricercatori hanno diluito in acqua le creme solari, con un rapporto di 99 a 1, e le hanno esposte ai raggi solari. Sono stati aggiunti gli embrioni di pesce zebra fecondati da 4 ore e lasciati per cinque giorni a contatto con le miscele. Gli embrioni a contatto con il mix contenente l’ossido di zinco hanno mostrato maggiori cambiamenti nel loro normale sviluppo, quali pinne sottosviluppate e lunghezza del corpo più corta del normale.

Quelli immersi nel liquido senza minerale hanno invece mostrato cambiamenti minimi. Inoltre, gli embrioni dei test sono stati divisi in più gruppi, alcuni immersi nelle creme senza esposizione ai raggi Uva e altri, invece, esposti alla luce solare.

Un aumento significativo della tossicità è stato rilevato in tutti gli embrioni immersi nel liquido tranne che in un caso, con crema non mixata con il minerale, dove l’incremento è risultato inferiore al 10% al termine dell’esposizione. Testato da solo, l’ossido di zinco non ha mostrato alcun aumento della tossicità, dimostrando che è la combinazione con altri elementi a generarlo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    creme lenitivecreme solaricreme solari cancerogeneossido di zincoossido di zinco crema
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.