A- A+
Medicina
Salute, il virus della poliomielite trovato nelle acque reflue di New York

New York, il poliovirus trovato nelle acque reflue

Nelle acque reflue di New York è stato trovato il virus della poliomielite. Le autorità sanitarie dello Stato hanno fatto questa brutta scoperta dopo che, un mese fa, era stato riscontrato un caso di poliomielite (un adulto non vaccinato). Il problema aggiunge criticità ad un sistema sanitario sotto pressione dopo due anni di pandemia e nel mezzo di un’emergenza nazionale con il vaiolo delle scimmie. Emergenza decretata il 4 agosto nonostante si fosse a conoscenza della carenza di vaccini. Il 21 luglio nella Contea di Rockland, 20 chilometri da New York City, è stato registrato il primo caso di poliomielite negli Stati Uniti dal 2013. Il polivirus è stato trovato nei rifiuti di Rockland, nelle acque di Orange County. "Il Dipartimento della Salute di New York e lo Stato di New York hanno identificato il virus della poliomielite nelle acque reflue della città, suggerendo una trasmissione locale del virus-hanno confermato le autorità sanitarie cittadine aggiungendo che- la poliomielite può causare paralisi e persino la morte. Esortiamo i newyorkesi non vaccinati a vaccinarsi ora”.

New York, il rilevamento è allarmante ma non sorprende le autorità

"Per ogni caso identificato di poliomielite paralitica, centinaia di altri potrebbero non essere rilevati", ha affermato Mary Bassett, il commissario sanitario statale. "Il rilevamento del poliovirus nei campioni di acque reflue a New York City è allarmante, ma non sorprendente". Grazie alle massicce campagne di vaccinazione degli anni '50 e '60, la malattia era stata praticamente eradicata. Tuttavia i movimenti anti-vaccino, hanno portato ad una drastica riduzione delle vaccinazioni. Dal 2019 le vaccinazioni sono in calo e solo l'86,2% dei bambini tra i sei mesi e i 5 anni ha ricevuto le tre dosi di vaccini contro la poliomielite. In alcuni quartieri di Brooklyn, tra gli ultraortodossi, il tasso di vaccinazione è sotto il 57%.

New York, il rischio è reale ma la difesa del vaccino è sicura e certa

Il commissario alla Salute della città, Ashwin Vasan ha detto che “Il rischio per i newyorkesi è reale, ma la difesa è molto semplice: vaccinarsi contro la poliomielite. Con la poliomielite che circola nelle nostre comunità, non c'è niente di più essenziale che vaccinare i nostri bambini per proteggerli da questo virus, e se sei un adulto non vaccinato o vaccinato senza il programma completo, vaccinati ora". Lo scorso giugno ha anche rilevato il virus della poliomielite in un numero significativo di campioni provenienti dalle acque reflue di Londra. Questa settimana le autorità sanitarie britanniche hanno lanciato una campagna di vaccinazione urgente rivolta a un milione di bambini nell'area metropolitana della capitale. Non ci sono stati casi registrati della malattia nel Regno Unito, in realtà non dal 1984. Ma i consulenti per l'immunizzazione del governo hanno consigliato estrema cautela. E il vaccino rimane comunque l'unica, semplice e potente arma di difesa contro la poliomelite.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    new yorkpoliopoliomelitevaccino




    in evidenza
    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    MediaTech

    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.