A- A+
Medicina
Screening Covid 19-Epatite C, da Milano il segnale sul peso della prevenzione

Arriva da Milano un grande segnale per l’intero Paese sull’importanza della prevenzione. Lo screening gratuito congiunto Covid-19/Epatite C ha registrato il tutto esaurito fin dalle prime ore del mattino. L’attività a pieno regime del laboratorio mobile collocato in piazza Cadorna ha confermato la validità ed il gradimento dei cittadini dell’esame sierologico abbinato, che è stato portato in tutta Italia dal roadshow organizzato dalla società di consulenza manageriale in ambito healthcare, MA Provider, con il contributo non condizionato di Abbvie.

La raccolta dei dati è fondamentale per procedere verso la cura e l’eradicazione del virus che causa l’Epatite C, rispettando l’obiettivo 2030 fissato dall’Oms per l’Italia. “Ma è indispensabile che non si perda più tempo: lo screening nazionale per l’infezione da Hcv è stato finanziato con 71 milioni nel decreto milleproroghe, è in Gazzetta Ufficiale dal 29 febbraio scorso, ma siamo in attesa dei decreti attuativi”, ha dichiarato Massimo Galli, direttore del reparto Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, intervenuto in piazza nel corso della mattina. I piani regionali di eliminazione dell’Hcv sono necessari nonostante il Covid; e le indagini sierologiche su quest’ultimo sono un’opportunità per fare in parallelo quelle sull’Epatite C. Occorre portare alla luce il sommerso: è fondamentale in questo momento, se si vuole puntare concretamente all’obiettivo dell’eliminazione dell’Epatite C in questo Paese entro il 2030, dobbiamo lavorare intensamente  perché questo avvenga”.  

L’idea del doppio test ha tratto origine dalle attività che Aisf e Simit insieme con EpaC Onlus svolgono con la sigla Ace-Alleanza contro le Epatiti, e ha preso vigore negli ultimi mesi, dopo che diversi studi hanno rilevato una riduzione di oltre il 90% dei trattamenti durante il lockdown. Il test congiunto è esplicitamente indicato come opportuno anche nel documento conclusivo dell’“Indagine conoscitiva in materia di politiche di prevenzione ed eliminazione dell’epatite C”, approvato all’unanimità in XII Commissione “Affari Sociali” della Camera dei Deputati, lo scorso 11 giugno: può infatti costituire un primo step per ampliare gli screening e far emergere quel “sommerso” indicato dal professore Galli.

“Raggiungere l’obiettivo 2030 prefissato dall’Oms per l’Italia è fondamentale –ha commentato Lia Quartapelle, componente III Commissione Affari esteri e comunicati della Camera- e potrà essere centrato grazie al salto di qualità terapeutica permesso dai nuovi farmaci antivirali ad azione diretta (Daa) per il trattamento dell’Epatite C, che eradicano il virus in maniera definitiva, in tempi rapidi e senza effetti collaterali”.

“Il premio Nobel di recente attribuito agli studiosi del virus dell’Epatite C è un riconoscimento che gratifica tutti coloro, scienziati, ricercatori, pazienti, infermieri e medici, che hanno dedicato la loro vita alla scoperta e cura di questa patologia”, ha sottolineato Alessio Aghemo, professore associato di Gastroenterologia, Dipartimento Scienze Biomediche della Humanitas University, componente del Direttivo Aisf. “Le terapie antivirali che abbiamo a disposizione ci permettono infatti di guarire sostanzialmente tutte le persone affette da questa malattia in modo rapido e sicuro. In questo contesto la necessità di identificare i portatori del virus HCV che non sono a conoscenza della loro malattia è fondamentale, strategico ed urgente. Disegnare campagne di screening mirate sulle persone asintomatiche sfruttando l’opportunità di agganciarsi ad altri percorsi di screening già disponibili è la strategia che dobbiamo implementare nella realtà italiana”.

“Con questo progetto EpaC Onlus è voluta passare dalle parole ai fatti e implementare, in un progetto pilota, quanto raccomandato nelle indicazioni del Documento conclusivo dell’Indagine conoscitiva in materia di politiche di prevenzione ed eliminazione dell’Epatite C”, voluta dall’On. Michela Rostan e approvata all’unanimità in XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, lo scorso 11 giugno. Ci auspichiamo ora che si possa arrivare, anche a livello nazionale ad un rapido avvio di una campagna di screening congiunto Covid-19/HCV su tutto il territorio”, ha ribadito il presidente di EpaC Onlus Ivan Gardini.

La tappa di Milano completa la prima fase del progetto pilota sviluppato da MAProvider, partito in agosto da Roma e proseguito in settembre con le tappe campane a Napoli e Salerno, per concludersi in Lombardia, sabato scorso a Bergamo, quindi all’ombra della Madonnina.

 

 

Commenti
    Tags:
    bergamoscreeningepatitecovid
    in evidenza
    Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

    Bomba sul suo futuro

    Leotta, indiscrezione clamorosa
    "Pare che Diletta non ha..."

    i più visti
    in vetrina
    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania

    Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania


    casa, immobiliare
    motori
    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.