A- A+
Medicina
Sonno profondo: con il giusto tipo di sonno il cervello si ripulisce meglio

Sonno profondo: con il giusto tipo di sonno il cervello si ripulisce meglio. Studio sulla qualità o la privazione del sonno

Uno studio ha rivelato che il sonno è fondamentale per la funzione del sistema di rimozione dei rifiuti che ha il nostro cervello. “Questo studio dimostra che più profondo è il sonno, meglio è", afferma Maiken Nedergaard, co-direttore del Center for Translational Neuromedicine presso l'Università di Rochester Medical Center (URMC) e autore principale dello studio. "Questi risultati dimostrano anche che la qualità del sonno o la privazione del sonno possono stimolare l'insorgenza di Alzheimer e demenza".

Studio sulla qualità del sonno: dormire profondamente aiuta il cervello nella rimozione delle tossine. Il ruolo del sistema glicinfatico

Lo studio, apparso sulla rivista Science Advances, ha rivelato che l'attività lenta e costante del cervello associata al sonno profondo non-REM è determinante per una buona funzione del sistema glicinfatico, ovvero quel processo del cervello che si occupa della rimozione dei rifiuti. Il team di studiosi ha descritto per la prima volta il sistema glicinfatico precedentemente sconosciuto. Prima di allora, gli scienziati non avevano ben compreso appieno come il cervello riesca a rimuovere i rifiuti. Lo studio ha rivelato l’esistenza di un sistema di trasporto nei vasi sanguigni che pompa il liquido spinale cerebrale (CSF) attraverso il tessuto cerebrale e serve a eliminare i rifiuti. Uno studio successivo ha dimostrato che questo sistema funziona principalmente mentre dormiamo.

Dormire le ore ideali: la privazione del sonno e lo sviluppo di Alzheimer. L’accumulo di proteine tossiche

Poiché l'accumulo di proteine ​​tossiche come la beta amiloide e la tau nel cervello sono associate alla malattia di Alzheimer, i ricercatori hanno ipotizzato che la compromissione del sistema glicinfatico dovuta al sonno interrotto potrebbe essere un fattore scatenante della malattia. Questa scoperta va a braccetti con osservazioni cliniche che mostrano un'associazione tra privazione del sonno e aumento del rischio per l'Alzheimer.

Dormire bene e profondamente aiuta il cervello a ripulirsi dalle tossine. I risultati dello studio

Nel presente studio, i ricercatori hanno condotto degli esperimenti su topi anestetizzati. Mentre gli animali erano sotto anestesia, i ricercatori hanno monitorato l'attività elettrica cerebrale, l'attività cardiovascolare e il flusso di pulizia del liquido cerebrospinale attraverso il cervello. Lo studio rafforza ulteriormente il legame tra sonno, invecchiamento e malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno saputo che invecchiando diventa più difficile ottenere costantemente un sonno profondo non-REM, e questo studio rafforza l'importanza del sonno profondo per il corretto funzionamento del sistema glicinfatico. Lo studio dimostra anche che l'aumento del sonno può manipolare il sistema glicinfatico, una scoperta che potrebbe indicare potenziali approcci clinici, come la terapia del sonno o altri metodi per aumentare la qualità del sonno, per le popolazioni a rischio.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sonnosonno profondosonno cervellosonno per pulizia cervellodormire profondamentequalità del sonnoprivazione del sonnodormire le ore idealidormire bene e profondamente
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.