A- A+
Medicina
Spondiloartrite assiale: da Novartis nuovi dati su Cosentyx (secukinumab)

I dati dello studio PREVENT, sponsorizzato da Novartis, dimostrano che Cosentyx aiuta i pazienti con spondiloartrite assiale a ottenere un sollievo precoce e duraturo

Novartis, azienda leader in reumatologia e immuno-dermatologia, ha annunciato i risultati completi a 52 settimane dello studio clinico di fase III PREVENT, i quali consolidano i benefici sostanziali e sostenuti di Cosentyx (secukinumab) nell’intero spettro della spondiloartrite assiale (axSpA, axial spondyloarthritis).

Lo studio ha rilevato che i pazienti trattati con secukinumab 150 mg hanno mostrato miglioramenti significativi e duraturi, a 52 settimane, dei segni e dei sintomi della spondiloartrite assiale non radiografica (nr-axSpA, non-radiographic axial spondyloarthritis). La nr-axSpA è una malattia dolorosa e debilitante, che colpisce 1,7 milioni di persone nei primi cinque Paesi dell’UE e negli Stati Uniti. Tuttavia, poiché la nr-axSpA viene spesso sotto-diagnosticata, con un ritardo medio nella diagnosi di oltre sette anni, tale numero potrebbe essere maggiore.

“La spondiloartrite assiale può avere un grave impatto sulla qualità della vita di un paziente e sulla sua capacità di svolgere le normali attività quotidiane. Lo studio PREVENT ha dimostrato l’efficacia e la sicurezza di secukinumab nella spondiloartrite assiale non radiografica, mostrando un sollievo precoce e prolungato dai segni e sintomi di questa malattia spesso dolorosa”, ha affermato Jürgen Braun, MD, professore di reumatologia presso la Ruhr-University Bochum (Germania), nonché uno dei ricercatori nel programma di sperimentazione clinica con secukinumab.

Lo studio PREVENT ha raggiunto il suo endpoint primario, cioè un miglioramento del 40% dell’indice di valutazione di malattia ASAS40 (Assessment of Spondyloarthritis International Society), in pazienti naïve al trattamento con un farmaco biologico o in pazienti con risposta inadeguata/intolleranti a una terapia con anti-TNFα (anti-fattore di necrosi tumorale alfa), alla settimana 16 e alla settimana 52 rispetto al placebo (rispettivamente 42,2% vs 29,2%: p <0,05 e 39,8% vs 19,9%: p <0,05), in trattamento con dose di carico. Nel corso dello studio, fino alla settimana 52, sono stati soddisfatti anche gli endpoint secondari (miglioramento del dolore, della mobilità e della qualità della vita correlata alla salute). Lo studio ha dimostrato un profilo di sicurezza coerente con i precedenti studi clinici, senza che venissero riportati nuovi segnali di sicurezza.

I dati dello studio clinico PREVENT sono stati presentati all’e-congress 2020 dell’Annual European Congress of Rheumatology (EULAR).

“Grazie a questi nuovi dati – e alla recente approvazione first-in-class di secukinumab nella UE per la spondiloartrite assiale non radiografica – stiamo continuando a consolidare il nostro patrimonio nello spettro della spondiloartrite assiale”, ha dichiarato Eric Hughes, Global Development Unit Head, Immunology, Hepatology & Dermatology presso Novartis. “Questa quarta indicazione per secukinumab dimostra ancora una volta il nostro impegno nel reimmaginare la medicina per un numero sempre maggiore di pazienti”.

Secukinumab è il primo inibitore interamente umano di interleuchina 17A (IL-17A) indicato per i pazienti europei con nr-axSpA ed è supportato da cinque anni di dati clinici che ne sostengono la sicurezza e l’efficacia a lungo termine nella psoriasi a placche da moderata a grave, nell’artrite psoriasica e nella spondilite anchilosante. Nell’aprile 2020 Novartis ha ricevuto dalla Commissione Europea l’approvazione di secukinumab per il trattamento della nr-axSpA.

Novartis ha inoltre presentato domanda di revisione per secukinumab alla US Food and Drug Administration (FDA) e alla Japan Pharmaceuticals and Medical Devices Agency (PMDA) per il trattamento degli adulti con nr- axSpA.

La spondiloartrite assiale (axSpA)
Il termine spondiloartrite assiale (axSpA, axial spondyloarthritis) raggruppa uno spettro di malattie infiammatorie croniche caratterizzate da mal di schiena infiammatorio persistente. Lo spettro della axSpA comprende la spondilite anchilosante, in cui il danno articolare è generalmente visibile alla radiografia, e la spondiloartrite assiale non radiografica (nr-axSpA, non-radiographic axial spondyloarthritis), in cui il danno articolare non è invece visibile alla radiografia. Entrambe le componenti dello spettro della malattia presentano un carico sintomatico simile, che include risveglio notturno dovuto a dolore, dolore spinale, rigidità mattutina, affaticamento e disabilità funzionale. Se non viene trattata, la axSpA può compromettere le normali attività quotidiane, causare la perdita di produttività sul lavoro e avere un impatto significativo sulla qualità della vita, incluse le relazioni familiari.

Secukinumab
Secukinumab è il primo e unico farmaco biologico interamente umano che inibisce direttamente l’interleuchina 17A (IL-17A), un’importante citochina coinvolta nell’infiammazione e nello sviluppo di artrite psoriasica, psoriasi e spondilite anchilosante. Secukinumab è supportato da robuste evidenze cliniche, inclusi dati a 5 anni nelle tre indicazioni psoriasi, artrite psoriasica e spondilite anchilosante, nonché dati provenienti da evidenze real-world. Questi dati rafforzano la posizione unica di secukinumab come trattamento completo, rapido e duraturo della spondiloartrite assiale, dell’artrite psoriasica e della malattia psoriasica, con oltre 300.000 pazienti trattati in tutto il mondo a partire dal suo lancio.

Lo studio clinico PREVENT
Tuttora in corso, PREVENT è uno studio di fase III della durata di due anni, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e dotato di una fase di estensione di due anni, condotto per studiare l’efficacia e la sicurezza di secukinumab nei pazienti con nr-axSpA attiva. Lo studio ha arruolato 555 pazienti adulti maschi e femmine con nr-axSpA attiva (con insorgenza prima dei 45 anni, con dolore spinale valutato come ≥40/100 su una scala analogica visiva [VAS, visual analog scale] e con un BASDAI (Bath Ankylosing Spondylitis Disease Activity Index) ≥4) che avevano assunto almeno due diversi farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) alla massima dose fino a 4 settimane prima dell’avvio dello studio. I pazienti potevano aver assunto in precedenza un inibitore del TNFα (non più di uno), per il quale avevano mostrato una risposta inadeguata. Dei 555 pazienti arruolati nello studio, 501 (90%) erano naïve ai farmaci biologici. I pazienti sono stati assegnati a uno di tre bracci di trattamento: secukinumab 150 mg per via sottocutanea con dose di carico (induzione: 150 mg di secukinumab per via sottocutanea una volta alla settimana per 4 settimane, quindi mantenimento con 150 mg di secukinumab una volta al mese); secukinumab 150 mg senza dose di carico (150 mg di secukinumab per via sottocutanea una volta al mese) o placebo (induzione per via sottocutanea una volta alla settimana per 4 settimane, seguita da mantenimento con somministrazione una volta al mese). Gli endpoint primari sono la percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta ASAS40 con secukinumab 150 mg alle settimane 16 e 52 nel braccio di pazienti naïve all’inibitore del TNFα. Gli endpoint secondari includono la variazione del BASDAI nel corso del tempo e la variazione del punteggio ASDAS-CRP (Ankylosing Spondylitis Disease Activity Score with CRP).

Commenti
    Tags:
    spondiloartrite assiale; novartis; cosentyx
    in evidenza
    Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

    Meteo previsioni

    Aria fredda polare sull'Italia
    Fine maggio da... brividi

    i più visti
    in vetrina
    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


    casa, immobiliare
    motori
    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

    BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.