A- A+
Medicina
La Toscana si muove contro l'amianto

“Patologie ambientali e lavorative in Toscana. Epidemiologia e geotermia”
Auditorium della Regione Toscana
Via Cavour 4 – Firenze – Ore 15.30

Aumentano i casi di mesotelioma e di altre patologie asbesto correlate in Toscana, dove i minerali di amianto sono stati utilizzati anche nelle centrali geotermoelettriche.
Secondo uno studio dell'Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana del 2010, l'ultimo realizzato in materia, nella zona dell'Amiata che ospita due importanti campi geotermali sfruttati, tra il 2006 e il 2010 sono stati rilevati 171 morti in più rispetto alla media dei Comuni in un raggio di 50 km. Di questi 81 sono deceduti per patologie tumorali.
Un dato che, secondo il parere di numerosi esperti e studiosi, sarebbe da attribuire al rilascio di diversi agenti patogeni dannosi per la salute umana e per l'ambiente da parte degli impianti geotermici.
Al tema poco esplorato della sinergia tra agenti inquinanti è dedicata la conferenza in programma sabato 19 settembre alle ore 15.30 presso l'Auditorium della Regione Toscana in via Cavour 4 a Firenze, intitolata "Patologie ambientali e lavorative in Toscana. Epidemiologia sull'amianto e geotermia".
All'appuntamento, organizzato dall'Osservatorio Nazionale Amianto, interverranno Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale sull’Amianto, Antonietta Gatti, International Fellow dell'Unione delle Società dei Biomateriali e Ingegneria, Andrea Borgia, geologo e ricercatore presso la Laurence Berkeley National Laboratory, Maurizio Ascione, sostituto procuratore della repubblica di Milano, Alberto Zolezzi, parlamentare del Movimento 5 Stelle e medico pneumologo, Sara Paglini senatrice e membro della Commissione lavoro del Senato, Antonella Franchi, coordinatore nazionale genitori dei ragazzi esposti all'amianto e Fabio Landi del Comitato SOS Geotermia.  Modera la giornalista Valentina Renzopaoli.
“L’Osservatorio Nazionale sull’Amianto ritiene opportuno e doveroso attivare iniziative che comportino il rinnovamento e l’ammodernamento delle infrastrutture e del sistema industriale in modo da coniugare lo sviluppo e la tutela della salute e dell’ambiente ed evitare così future esposizioni, altre malattie ed altri decessi” sostiene il presidente dell'Ona Ezio Bonanni.
“In particolare, nel settore della geotermia assistiamo all’utilizzo di tecniche ancora obsolete con immissioni intollerabili, soprattutto perché sarebbe possibile evitarle completamente, ovvero abbatterle in modo tale da evitare ogni impatto su salute e ambiente, tanto più nel caso della Toscana, ove si assiste ad una sinergia per effetto dell’utilizzo massiccio di amianto”.
A 23 anni dalla sua messa al bando, l'amianto causa più di 5mila morti ogni anno in Italia ed oltre 110mila nel pianeta. Enormi sono i ritardi sia nel censimento che nella mappatura e solo il 2% dei 32 milioni le tonnellate ancora presenti sul territorio sono stati bonificati.
Secondo i dati dell'Ona, tra Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Valle d'Aosta sono ancora presenti più di 230mila strutture con amianto: gli edifici pubblici e privati contenenti amianto sarebbero più di 188.000 cui vanno aggiunti i 6.913 siti industriali e altre strutture contenenti, cui si aggiungono le 2.400 scuole con presenza di amianto in tutto il territorio nazionale.
Solo la metà delle regioni italiane hanno concluso la mappatura dell'amianto (Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria e Valle d'Aosta), ed è in fase di ultimazione nelle province autonome di Bolzano e Trento.
La conferenza del 19.09.2015 verrà trasmessa in diretta streaming al link http://www.consiglio.regione.toscana.it/default.aspx?nome=M5S.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
toscana
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.