A- A+
Medicina
Tumore al cervello: perché le comuni terapie contro il cancro falliscono

Tumori cerebrali rari: glioblastoma, il cancro che non risponde bene alle terapie immunologiche di altri tumori

I tumori del cervello, specialmente le forme aggressive, come il glioblastoma non rispondono bene alle comuni terapie immunologiche. Lo conferma anche una nuova ricerca, apparsa sulla rivista Nature Medicine, la quale ha esaminato i tumori del glioblastoma, per capire perché questa forma di cancro al cervello non risponda altrettanto bene all'immunoterapia degli altri tumori.

 

Tumore al cervello, terapie spesso falliscono: ecco perché l’immunoterapia non funziona contro il glioblastoma

L'immunoterapia è un tipo di trattamento che mira a rafforzare il sistema immunitario nella lotta contro il cancro.

La terapia ha dimostrato di avere molto successo contro vari tumori aggressivi, come il cancro al seno triplo negativo. Tuttavia, l'immunoterapia in realtà aiuta meno di 1 persona su 10 con il glioblastoma.

Il glioblastoma è una forma di cancro al cervello con una prospettiva mediana di soli 15-18 mesi.

Perché l'immunoterapia non funziona in modo così efficace in questi tumori del cervello?

 

Glioblastoma, il tumore al cervello che non risponde alla terapia immunologica. L’analisi dei ricercatori americani ed Il ruolo della proteina PD-1 nel cancro

Un team di scienziati guidati da Raul Rabadan, professore di biologia sistemica e informatica biomedica alla Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons di New York City, ha indagato su questa forma di cancro al cervello.

Come spiegano gli scienziati, il cancro a volte blocca l'attività del sistema immunitario influenzando una proteina chiamata PD-1.

La proteina PD-1 è presente sulle cellule immunitarie chiamate cellule T. In questa sede, la proteina PD-1 aiuta a garantire che il sistema immunitario non esageri nella sua risposta quando reagisce alle minacce. Quando il PD-1 si lega ad un'altra proteina chiamata PD-L1, impedisce alle cellule T di attaccare altre cellule, incluse le cellule tumorali. Quindi alcuni farmaci immunoterapici agiscono bloccando la proteina PD-1, la quale "rilascia i freni sul sistema immunitario" e lascia andare le cellule T allentate uccidendo le cellule tumorali.

Gli inibitori della proteina PD-1 hanno successo nella maggior parte dei tipi di cancro, motivo per il quale questi scienziati si sono chiesti quale effetto avrebbero avuto questi farmaci nel glioblastoma. Successivamente il team di ricerca guidato dal professore Rabadan ha studiato il microambiente tumorale, composto da tutte quelle cellule che mantengono la crescita del tumore, in 66 persone con glioblastoma.

I ricercatori hanno esaminato il microambiente tumorale sia prima che dopo il trattamento dei tumori con gli inibitori del PD-1, denominati nivolumab o pembrolizumab.

Dei 66 casi di glioblastoma, 17 hanno risposto all'immunoterapia per un periodo di almeno 6 mesi.

 

Cancro al cervello, predire la risposta di una persona al trattamento del tumore glioblastoma. I risultati di un nuovo studio americano

Le analisi dei ricercatori hanno dimostrato che il resto di quei tumori aveva significativamente più mutazioni in un gene chiamato PTEN, che normalmente codifica per un enzima che agisce come soppressore del tumore.

Inoltre, il Prof. Rabadan con i suoi ricercatori ha scoperto che il maggior numero di mutazioni PTEN aumentava il numero di macrofagi, le cellule immunitarie che normalmente "mangiano" batteri, virus e altri microrganismi. I macrofagi, inoltre, sciacquano le cellule morte e i rifiuti cellulari, oltre a stimolare l'attività di altre cellule immunitarie.

Nel glioblastoma, e nelle forme di tumore al cervello rare, i macrofagi hanno innescato fattori di crescita, che hanno alimentato la crescita e la diffusione delle cellule tumorali. Inoltre, l'analisi ha rivelato che le cellule tumorali nei tumori come il glioblastoma erano strettamente legate tra loro, il che potrebbe rendere più difficile per le cellule immunitarie penetrare e distruggere il tumore.

“Siamo ancora all'inizio della comprensione dell'immunoterapia del cancro, in particolare nel glioblastoma" – ha affermato il professore Rabadan - "Ma il nostro studio dimostra che potremmo essere in grado di prevedere quali pazienti di glioblastoma potrebbero trarre beneficio da questa terapia, inoltre abbiamo anche identificato nuovi bersagli per il trattamento che potrebbero migliorare l'immunoterapia per tutti i pazienti affetti da glioblastoma".

 

Commenti
    Tags:
    tumore al cervellotumori al cervello raritumore al cervello glioblastomaterapie cancro al cervellotumore al cervello immunoterapiatumori cerebrali e glioblastomatumori immunoterapiatumore al cervello terapietumore al cervello terapia immunologica
    in evidenza
    Camila Giorgi, look mozzafiato La tennista strega i suoi tifosi

    Wanda, Raffaella Fico e... Foto Vip

    Camila Giorgi, look mozzafiato
    La tennista strega i suoi tifosi

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.